Martedì, 26 Maggio 2020
Giovedì, 14 Maggio 2020

A partire dal 18 maggio prossimo Il Centro Multiraccolta di Voghera in strada Folciona sarà nuovamente accessibile alle utenze domestiche. Gli orari per accedere all'impianto sono: dal lunedì al sabato dalle ore 6.30 alle ore 11.30. Martedì e venerdì apertura anche pomeridiana dalle ore 14.00 alle 17.00. Sempre dal prossimo 18 maggio riaprirà anche l'Infopoint di via Gramsci con i seguenti orari: lunedì  e  Martedì  dalle  ore  8.00  alle  ore  13.30 e dalle  ore  14.30 alle 17.30; Mercoledì  e Giovedì dalle  ore  8.00 alle  ore 13.30 e dalle ore 14.30 alle ore 17.00; Venerdì dalle ore 8.00 alle ore 13.00.

(Gli orari potranno subire delle variazioni in relazione ad eventuali nuove comunicazioni ministeriali) La novità dell'Infopoint riguarda la sostituzione della tessera elettronica per smarrimento o danneggiamento. Dal 18 maggio infatti il costo per ricevere il duplicato della tessera sarà pari a 2 euro.

INVIATE I VOSTRI COMUNICATI LE VOSTRE NEWS INERENTI ALL'OLTREPÒ A "IL PERIODICO NEWS" , ALL'INDIRIZZO MAIL : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Il Comune di Stradella ha avviato un protocollo con i negozi di generi alimentari per sostenere le famiglie in difficoltà economica a causa dell’emergenza Covid -19 . Sono disponibili BUONI ALIMENTARI spendibili presso i commercianti che hanno aderito. Alla misura di aiuto alimentare possono accedere i cittadini che non hanno in corso altri aiuti comunali e non hanno alcun altro reddito personale o familiare.

Questa misura di sostegno si aggiunge alle altre già avviate nei mesi precedenti, come la consegna dei pacchi alimentari e le schede prepagate per gli acquisti.

INVIATE I VOSTRI COMUNICATI LE VOSTRE NEWS INERENTI ALL'OLTREPÒ A "IL PERIODICO NEWS" , ALL'INDIRIZZO MAIL : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Il Comune di Voghera ha approvato l’Avviso pubblico per sostenere gli inquilini titolari di contratto di locazione nel libero mercato in situazione di morosità incolpevole ed erogare il contributo messo a disposizione da Regione Lombardia ai sensi della D.G.R. n. 2974/2020. L’avviso prevede due misure: una per gli inquilini titolari di contratto di locazione nel libero mercato in situazione di morosità incolpevole che hanno in corso un provvedimento di sfratto e una per gli inquilini che non hanno uno in corso un provvedimento di sfratto. "È una misura di sostegno per mantenere l'abitazione e far fronte alle esigenze abitative soprattutto in questo periodo di forte e attuale emergenza", spiega l'assessore alla Famiglia Simona Virgilio. 

1. MOROSITÀ INCOLPEVOLE DEL NUCLEO FAMILIARE DESTINATARIO DI UN ATTO  DI  INTIMAZIONE  DI  SFRATTO  PER MOROSITÀ, CON CITAZIONE PER LA CONVALIDA

Possono accedere alla misura gli inquilini titolari di contratto di locazione nel libero mercato in situazione di morosità incolpevole che hanno in corso un provvedimento di sfratto. La morosità incolpevole causata dalla perdita o consistente riduzione della capacità reddituale deve essere riconducibile ad una delle seguenti cause: licenziamento, mobilità, cassa integrazione, mancato rinnovo di contratti a termine o di lavoro atipici, accordi aziendali e sindacali con riduzione dell’orario di lavoro, cessazione di attività professionale o di impresa, malattia grave, infortunio o decesso di un componente del nucleo familiare che abbia comportato la riduzione del reddito.

Il richiedente deve essere in possesso dei seguenti requisiti:

  • essere in possesso di un reddito I.S.E. (Indicatore della Situazione Economica) non superiore a € 35.000,00 o un valore I.S.E.E. (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) non superiore a € 26.000,00;
  • essere destinatario di un atto  di  intimazione  di  sfratto  per morosità, con citazione per la convalida;
  • essere titolare di un contratto di locazione di unità immobiliare ad uso abitativo regolarmente  registrato (sono  esclusi gli immobili appartenenti alle categorie catastali Al,  A8  e  A9) e risiedere nell’alloggio oggetto della procedura di rilascio da almeno un anno;
  • avere la cittadinanza italiana, di un Paese dell’UE, ovvero, nei casi di cittadini non  appartenenti  all'UE,  possedere un  regolare titolo di soggiorno.

Il richiedente e ciascun componente del nucleo familiare, non devono essere titolari di diritto di proprietà, usufrutto, uso o abitazione nella provincia di residenza di altro immobile fruibile ed adeguato alle esigenze del proprio nucleo familiare.

2. MOROSITÀ INCOLPEVOLE RIDOTTA DEL NUCLEO FAMILIARE CHE NON HA UNO SFRATTO IN CORSO

Possono accedere alla misura gli inquilini titolari di contratto di locazione nel libero mercato in situazione di morosità incolpevole che non hanno in corso un provvedimento di sfratto. E’ prevista l’erogazione di un contributo al proprietario a copertura dei canoni di locazione, fino a 4 mensilità di canone e comunque non oltre € 1.500,00 ad alloggio/contratto.

I requisiti richiesti sono i seguenti:

- non essere sottoposti a procedure di rilascio dell’abitazione;

- non essere proprietari di alloggio adeguato in Regione Lombardia;

- ISEE max fino a € 26.000,00;

- non avere ricevuto contributi nel corso del 2020 per le medesime finalità.

Si deve documentare la situazione di sopravvenuta impossibilità a provvedere al pagamento del canone locativo a ragione della perdita o consistente riduzione della capacità reddituale del nucleo familiare.

Costituisce criterio preferenziale per la concessione del contributo il verificarsi di una o più condizioni collegate alla crisi dell’emergenza sanitaria 2020:

  • perdita del posto di lavoro;
  • consistente riduzione dell’orario di lavoro;
  • mancato rinnovo dei contratti a termine;
  • cessazione di attività libero-professionali;
  • malattia grave, decesso di un componente del nucleo familiare.

La domanda può essere presentata dal 15.05.2020 al 15.12.2020:

  • tramite posta al seguente indirizzo: Comune di Voghera, Ufficio Protocollo, Piazza Duomo n. 1, 27058, Voghera;
  • tramite email al seguente indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Informazioni possono essere richieste telefonicamente al numero 0383/336423

INVIATE I VOSTRI COMUNICATI LE VOSTRE NEWS INERENTI ALL'OLTREPÒ A "IL PERIODICO NEWS" , ALL'INDIRIZZO MAIL : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

 

Il Circolo Legambiente Voghera-Oltrepò interviene con una nota stampa in merito agli ipotizzati impianti a biometano a Voghera e Casei Gerola. "Il modo di dire "gioco delle parti" è l'allusione agli attori che sostengono ruoli diversi in ogni diversa commedia -scrive il Circolo Legambiente Voghera-Oltrepò -  E' un modo di dire perfetto per descrivere la situazione che si sta palesando rispetto ai progetti di impianti di biometano che interessano Casei Gerola e Voghera. I comuni, in particolare quello di Voghera sono contrari e sostengono di non saper nulla. Eppure i progetti erano depositati regolarmente presso gli uffici comunali. Almeno nel caso di Voghera è certo un incontro informale fra i proponenti ed il Sindaco. Inoltre sempre nel caso di Voghera all'ostilità ostentata sulla stampa non ha fatto seguito un atteggiamento altrettanto chiaro in sede di conferenza dei servizi.

Oggi poi si apprende che in sede di conferenza dei servizi Reti di Voghera ASM ha espresso parere favorevole all'impianto. Peccato che ASM ha sempre sostenuto di non saper nulla del progetto ed è pertanto strano che un suo ramo d'azienda esprima un parere favorevole non avendo conoscenza del progetto. Insomma molti attori che recitano a soggetto a seconda del palcoscenico. In tutto questo manca un adeguato approfondimento tecnico del progetto. Abbiamo da parte nostra fatto una richiesta di accesso agli atti. Presenteremo le nostre osservazioni e chiederemo di essere ammessi come uditori alle prossime conferenze dei servizi.

In attesa che i Comuni limitrofi escano allo scoperto e chiedano di essere ammessi all'iter, come abbiamo chiesto loro. Ci aspettiamo che si esca dalla situazione di confusione in cui la parte istituzionale versa e che si arrivi ad una informazione alla cittadinanza come richiede la vicenda. Apprendiamo anche che parte della politica pensa alla costituzione di un comitato. Più che comitati, ribadiamo che serve una consulta ambientale a livello istituzionale che coinvolga le associazioni e i cittadini e possa cooptare gli esperti delle varie tematiche. In particolare -conclude il Circolo Legambiente Voghera-Oltrepò - in questo caso e momento, è urgente almeno istituire una task force per dare coerenza ad un approccio tecnicamente ed istituzionalmente corretto."

* IMMAGINE DI REPERTORIO 

INVIATE I VOSTRI COMUNICATI LE VOSTRE NEWS INERENTI ALL'OLTREPÒ A "IL PERIODICO NEWS" , ALL'INDIRIZZO MAIL : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

"Quali sono i tempi di liquidazione dell'anticipo Pac 2020 e a che punto è, nel dettaglio, la liquidazione del saldo 2019, relativamente agli adempimenti a carico di Regione Lombardia e quali sono le motivazioni di eventuali ritardi nella liquidazione dello stesso" lo chiede il gruppo consiliare del PD in una interrogazione con risposta scritta depositata ieri in Consiglio regionale, indirizzata all'assessore Fabio Rolfi e firmata anche da Giuseppe Villani.

"Sono passati ormai quasi due mesi da quando il Governo, nel decreto Cura Italia, ha autorizzato l'anticipazione Pac a favore delle aziende agricole al 70% - dice il consigliere dem – e, dopo le lettere, torniamo a richiedere con mezzi più formali, l'intervento di Regione Lombardia che, mentre è stata attiva e sollecita nel richiedere l'attuazione di questa norma al Governo, ora risulta assai lenta anche per quanto riguarda il pagamento del saldo della Pac 2019".

"Come avevamo già scritto nella lettera inviata all'assessore regionale all'Agricoltura Rolfi nei primi giorni di marzo, questo aumento dell'anticipo darà una boccata di ossigeno in termini di liquidità ai nostri agricoltori operanti nel settore agroalimentare. Tra i tanti comparti in sofferenza in questo difficile momento, questo, per la sua stessa natura, non può permettersi interruzioni" conclude Villani.

INVIATE I VOSTRI COMUNICATI LE VOSTRE NEWS INERENTI ALL'OLTREPÒ A "IL PERIODICO NEWS" , ALL'INDIRIZZO MAIL : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

  1. Primo piano
  2. Popolari