Sabato, 18 Gennaio 2020
Articoli filtrati per data: Martedì, 07 Gennaio 2020

La Scuola di Teatro Oltreunpo’ , ha organizzato per oggi martedì 7 e Martedì 14 Gennaio, alle ore 21, presso lo "Stanzone" del Teatro Arlecchino, via XX Settembre 92 a Voghera, delle Lezioni di prova per il nuovo corso di Recitazione Base in partenza a gennaio.

Un corso pensato per dare l’opportunità a chi non ha fatto in tempo ad iscriversi ad inizio stagione.

Un percorso divertente per chi ha voglia di fare teatro per la prima volta, per chi ha voglia di esprimere le proprie potenzialità, attraverso il proprio corpo e la propria voce e, soprattutto, un percorso alla scoperta della propria spontaneità.

Attraverso il training fisico e sensoriale, si lavorerà sul rilascio delle tensioni corporee, sulla riscoperta dei sensi, sull'ascolto di sé e sulla relazione con ciò che si ha intorno. Educarsi a sentire, a guardare, a essere presenti,  scoprendo le potenzialità espressive del proprio corpo e della propria voce, seguendo con fiducia tutti gli impulsi che organicamente nascono e lavorando sul fluire di questi, senza interruzioni o censure, abituandosi alla spontaneità" 

Il corso di Recitazione Base, verrà condotto da “Bruna Serina de Almeida” , attrice professionista  e insegnante presso Oltreunpo’ Teatro. In scena lo scorso Dicembre con una produzione del Teatro Litta di Milano. Diplomata presso la Scuola Teatrale Quelli di Grock, ha continuato i suoi studi con John Strasberg (alla John Strasberg Studios a New York), Danio Manfredini, Emma Dante, Claudio Orlandini, Marco Oliva, Nicolaj Karpov e Gaddo Bagnoli; lavorando poi con vari registi quali: Emma Dante , Antonio Syxty,  Susanna Baccari, Marco Oliva, Claudio Orlandini, Claudio Intropido e Valeria Cavalli. 

Il corso terminerà a Maggio con il saggio presso il Teatro “San Rocco” di Voghera! La prima lezione è di prova gratuita e senza impegno!                                                                      

La Compagnia Teatrale Oltreunpo’ nasce a Montesegale, nel lontano 2004, proponendo una serie di spettacoli e di iniziative nel territorio provinciale, sia per adulti che per bambini. Nel 2011 ha aperto la prima scuola di teatro a Voghera che, ancora oggi, vede la partecipazione di un centinaio di allievi. Una realtà che, poco dopo, si è espansa, arrivando sino a Milano, con l’apertura di un’altra sede; e che ha creato, inoltre, un’importante ponte con New York, grazie all’incontro con alcuni artisti americani e alla collaborazione con l’insegnante e regista teatrale John Strasberg, figlio ed erede artistico di Lee Strasberg. Una collaborazione fondamentale con l’artista,  perché nata da un incontro che negli anni antecedenti, ha permesso  agli attori  stessi della compagnia Oltreunpo’ di arricchire i propri studi a New York. 

INVIATE I VOSTRI COMUNICATI LE VOSTRE NEWS INERENTI ALL'OLTREPÒ A "IL PERIODICO NEWS" , ALL'INDIRIZZO MAIL : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Tante melodie, da tutto il mondo, per celebrare al meglio le festività natalizie ma anche per fare della solidarietà. Così il gruppo di Chitarrorchestra, diretto da Gianfranco Boffelli e con la presentazione di Maurizio Civini, ha concluso il tour di Natale e Capodanno con un appuntamento speciale presso l'Auditorium di Lungavilla. Insieme al coro di bimbi Arcobaleno, diretto da Nadia Cometto, ha infatti organizzato un concerto il cui ricavato è andato tutto al Centro Paolo VI di Casalnoceto, che ha riportato numerosi danni durante l'alluvione di Ottobre. "E' bello sentire l'abbraccio di tutta la nostra Diocesi, toccare con mano la generosità di tante associazioni, di tanti comuni, di tanti privati cittadini, che sia nel Tortonese che in Oltrepò hanno organizzato in questo periodo cene, concerti, eventi di solidarietà per raccogliere fondi per il nostro Centro" – ha dichiarato Don Cesare De Paoli, direttore del Centro Paolo VI e parroco di Lungavilla. Ora l'emergenza è superata per la cucina, grazie alla Protezione Civile che ci ha messo a disposizione fin dall'inizio le cucine da campo per assicurare un pasto ai 120 diversamente abili che risiedono nella struttura, ma occorrono ancora tanti sforzi per bonificare le altre stanze e riacquistare lavatrici, ascensori e tutto ciò che è stato sommerso e travolto dall'acqua: i danni sono stati quantificati in più di 500 mila euro.

Ecco perché i volontari di Associazione Porana Eventi e della Parrocchia di Lungavilla hanno deciso di organizzare il concerto "Natale nel mondo", che ha visto una numerosa partecipazione di pubblico, oltre ai mercatini solidali della Maison de Bethanie in Togo. Sono state vendute anche le prime bottiglie donate dalla ditta Cagnoni di Mornico Losana a favore del Centro Paolo VI: saranno a disposizione presso la Parrocchia di Lungavilla anche nelle prossime settimane, con una offerta di 5 euro si potrà acquistare vino di qualità dell'Oltrepo Pavese e partecipare al contempo a questa buona causa.  "Siamo stati felici di aver concluso i nostri concerti natalizi con questo evento, dato che la nostra gioia non è solo fare musica ma farla anche abbinata alla solidarietà – ha dichiarato Gianfranco Boffelli -. Chitarrorchestra si mette spesso a disposizione per queste buone cause, lo abbiamo fatto volentieri per Don Cesare e per i ragazzi di Casalnoceto perché sappiamo quanto è importante garantire loro la piena funzionalità di questo istituto che li ospita con tanto amore e dedizione". Al pomeriggio di festa ha portato il suo saluto e vicinanza anche il sindaco di Lungavilla Carla Beccaria, che ha anche annunciato la nuova campagna ambientale del Comune dalla Primavera: "Come Comune aderiamo al progetto "Rifiuti zero" e, visto che qui ci sono tanti bambini, ricordo che dopo le festività natalizie regaleremo ai ragazzi delle nostre scuole una borraccia, ci saranno dei corsi a scuola in cui si imparerà a fare la raccolta differenziata e a loro volta gli studenti insegneranno ai loro genitori a farla in casa. Si partirà ufficialmente il 1 Aprile con la raccolta porta a porta per arrivare ad arrivare a fare una differenziata a pieno regime anche durante le feste organizzate dalle varie associazioni". Al termine brindisi e auguri del nuovo anno, con una promessa: la solidarietà a favore del Centro Paolo VI di Casalnoceto continuerà anche nei prossimi mesi con l'organizzazione di altre manifestazioni

INVIATE I VOSTRI COMUNICATI LE VOSTRE NEWS INERENTI ALL'OLTREPÒ A "IL PERIODICO NEWS" , ALL'INDIRIZZO MAIL : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Una tradizione che attraverso i secoli giunge viva fino a noi. Domenica 19 gennaio, due giorni dopo la ricorrenza di Sant’Antonio Abate, all’Eremo di Sant’Alberto di Butrio a Ponte Nizza si celebra il protettore degli animali e delle arti contadine con un evento giunto alla quinta edizione, coordinato dall’Associazione Culturale Il Mondo di Tels di Pavia e dall’Auramala Project in collaborazione con IOLAS. 

PROGRAMMA 

Dalle ore 14:00 presso l’eremo, zuppa di castagne e latte della tradizione, preparata dalla chef Piera Spalla del Ristorante Selvatico di Rivanazzano, accompagnata dal vin brulé dell’Azienda Agricola Montelio di Codevilla e da assaggi di formaggi del Caseificio Cavanna di Rivanazzano. 

Dalle 14.00 alle 16.00 i membri dell’Auramala Project saranno presenti presso la tomba di Edoardo II Plantageneto per aggiornamenti sulla ricerca sugli ultimi anni di vita del re. 

Ore 15.00 visita guidata agli affreschi dell’eremo a cura della prof. Elena Corbellini, accompagnata dalla musica tradizionale dei pifferi sul carro dell’Azienda Agricola Lino Verardo di Ponte Nizza 

Ore 16:00, sul piazzale, benedizione degli animali (gli amici a quattro zampe sono i benvenuti). 

Ore 16:30 messa solenne

INVIATE I VOSTRI COMUNICATI LE VOSTRE NEWS INERENTI ALL'OLTREPÒ A "IL PERIODICO NEWS" , ALL'INDIRIZZO MAIL : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Secondo la Procura ci sarebbero responsabilità nella morte del piccolo Nicolas, nato morto a giungo del 2018 nella sala parto dell'Ospedale di Voghera. Pochi giorni fa si è svolta l'udienza preliminare in cui il giudice dovrà valutare se arrivare ad un proscioglimento o pronunciare il rinvio a giudizio nei confronti del medico ginecologo e dell'ostetrica. L'accusa è quella di omicidio colposo; si ipotizzano in sostanza delle responsabilità nella morte del piccolo, nello specifico una sottovalutazione della sofferenza fetale che si era manifestata circa un'ora prima della tragedia. Codacons: "Si poteva evitare la tragedia se i medici fossero intervenuti prima e tempestivamente? E' questo il quesito cui il processo dovrà eventualmente dare risposta. Si tratta di un fatto gravissimo, è indispensabile che la magistratura faccia luce su un caso così tragico, solo all'esito, in caso di acclarate responsabilità, si dovrà discutere dell'entità del risarcimento da destinare agli sfortunati genitori."

INVIATE I VOSTRI COMUNICATI LE VOSTRE NEWS INERENTI ALL'OLTREPÒ A "IL PERIODICO NEWS" , ALL'INDIRIZZO MAIL : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

  1. Primo piano
  2. Popolari