Giovedì, 27 Giugno 2019
Articoli filtrati per data: Giovedì, 07 Febbraio 2019

Il Comune di Portalbera per il 2019 punterà su scuole e telecamere: messa in sicurezza antisismica degli edifici e sicurezza sono i capisaldi della politica che il sindaco Pierluigi Bruni porterà avanti in questo nuovo anno. «Abbiamo investito parecchi fondi in questo settore. A Portalbera la nostra amministrazione ha sempre dato molta importanza alla scuola: un comune che perde le scuole perde tutto».

Sindaco, com’è amministrare Portalbera? è un posto tranquillo?

«Bella domanda! Non è che sia difficile, però la burocrazia crea tanti problemi. Ci sono tante cose, a volte inutili, da fare. Però si governa. C’è stato il periodo un po’ più duro, quando hanno bloccato tutto con il patto di stabilità. Adesso c’è un po’ più di elasticità e qualcosa abbiamo fatto. Sono soddisfatto e spero in futuro di avere ancora qualche fondo a disposizione per poter realizzare progetti e terminare lavori».

Cos’ha in cantiere per il suo paese?

«Abbiamo cercato di spingere sul patto scolastico a favore delle scuole. Vogliamo metterle in sicurezza sia dal punto di vista dell’antincendio, che da quello antisismico. Per noi è una ‘voce’ importantissima. Abbiamo il nido, la scuola materna e la scuola elementare. Mi piacerebbe che anche i paesi limitrofi potessero pensare di mandare i bambini nelle nostre scuole, già i bambini di San Cipriano vengono da noi. Noi mettiamo a disposizione il pulmino e facciamo anche il doposcuola gratuito: si paga solo un’iscrizione e poi per tre giorni alla settimana i bimbi possono stare fino alle 16.15».

Per quanto riguarda invece le strade, l’illuminazione, le telecamere come siete messi?

«Quest’anno potenzieremo la parte della sicurezza con telecamere all’avanguardia. Controlleremo direttamente dal Municipio i filmati delle telecamere, è un bel passo avanti. Abbiamo speso 20 mila euro per questo e altri ventimila andranno per l’illuminazione, potenziandola laddove manca. Se si apriranno altri fondi vedremo cosa fare, dobbiamo anche terminare di asfaltare un pezzo di via».

Da voi funziona bene anche la Proloco?

«Sì, collaboriamo insieme in modo molto positivo. Per esempio tutti gli anni organizziamo il pranzo dell’Epifania con gli anziani e il risultato è sempre bello. Poi la Proloco fa diverse programmazioni durante l’anno, soprattutto d’estate».

Lei è in politica da tanti anni. Come ha visto cambiare questo mondo?

«Una volta era davvero più semplice. Oltre a questi anni da Sindaco, ho fatto per dieci anni il vice, quindi ho una bella esperienza. Non c’erano così tanti vincoli e burocrazia, adesso è tutto molto più complicato».

Dei giovani cosa ne pensa?

«Per quanto riguarda la disoccupazione non posso dire che ce ne siano tanti, forse ci sono più disoccupati in un’altra fascia d’età… quello che posso dire sui giovani è che vivono un po’ poco il paese, a lavorare vanno in molti su Milano e anche per il divertimento vanno spesso a Stradella…».

Il suo comunque è un giudizio positivo sul suo paese?

«Assolutamente sì! Abbiamo due società sportive, la Proloco, la Protezione Civile. Cerchiamo di mantenere e se possibile migliorare quello che abbiamo».

di Elisa Ajelli

Insieme al 2018 per il comune di Casei Gerola è finita la possibilità di vedere attuata la famosa riconversione dell’ex zuccherificio. Il 31 dicembre infatti scadeva  l’autorizzazione, rilasciata dalla Provincia, per la costruzione e la messa in funzione di una centrale per la produzione di energia elettrica che utilizzasse materiale di origine esclusivamente vegetale. Un progetto di cui si è parlato molto negli anni successivi alla chiusura del maxi impianto, ma che è rimasto sempre sulla carta. Troppi i dubbi e troppo poche le reali prospettive di guadagno. «Probabilmente i proponenti, venuti a meno gli incentivi statali, non hanno più ritenuto l’iniziativa sostenibile dal punto di vista economico» commenta il sindaco Ezio Stella, giunto agli ultimi mesi di mandato. Se un capitolo si è chiuso forse definitivamente, per il piccolo centro oltrepadano resta da gestire la complicata eredità burocratica che il tentativo di riconversione ha creato, con numerosi terreni che nel corso degli anni erano stati trasformati, su richiesta dei proprietari, in aree destinate ad accogliere attività produttive.

Sindaco Stella, ora che la riconversione non si fa più che ne sarà di quei terreni?

«A febbraio sarà approvato dal consiglio comunale il nuovo Piano di Governo del Territorio, che prevede tra gli aspetti fondamentali proprio il ritorno ad una destinazione agricola di diversi terreni che in passato, su richiesta dei proprietari, avevano avuto un cambio in aree per attività produttive».

E dei terreni su cui sorgeva lo zuccherificio invece cosa dice? è un’area mastodontica, da 400mila metri quadrati, per la quale risulta difficile intravvedere prospettive di recupero concrete…

«Il destino di quell’area è interessato dal secondo provvedimento che verrà preso nel nuovo Pgt. La proprietà dell’area su cui sorgeva lo zuccherificio ha infatti chiesto che l’ambito di trasformazione produttivo sia suddivido in due sotto ambiti, mantenendo però  l’attuale destinazione, ossia ambito di trasformazione produttiva».

Un tentativo di “snellirla” sperando di incentivarne l’acquisto?

«Uno scenario plausibile, probabilmente si ritiene che la soluzione proposta faciliti una futuro riutilizzo dell’area magari in momenti successivi».

Cambiamo fronte. Fino ad ora di grandi piogge o nevicate non se ne sono viste, ma la doppia esondazione del Curone nel 2014 è ancora fresca nella memoria collettiva. Sono state effettuate opere importanti di prevenzione e messa in sicurezza? A che punto sono i progetti?

«Dopo le due alluvioni del 2014 sono stati fatti interventi di consolidamento degli argini a difesa del centro abitato da parte di Aipo. Di primaria importanza è comunque la pulizia dell’alveo che deve essere ripetuta almeno ogni due anni, come d’altra parte sta avvenendo. Inoltre, grazie al procedimento avviato dall’amministrazione comunale, a molti privati sono stati erogati indennizzi per i danni subiti».

La sua esperienza da sindaco volge al termine. Il suo futuro?

«è ancora presto per parlarne».

Se dovesse tracciare un bilancio, come sarebbe?

«I bilanci vanno fatti  tenendo conto del programma con cui ci siamo presentati cinque anni fa all’esame dei nostri compaesani. Preferisco parlare di cose concrete: ogni anno abbiamo predisposto un piano per la manutenzione delle strade. Diverse sono state asfaltate, sia nel capoluogo che nella frazione, e la sistemazione del porfido in via Mazzini, con una spesa nei 5 anni superiore ai 200 mila euro. è stato costruito un nuovo lotto di 54 loculi presso il Cimitero del Capoluogo, dove è stato anche sistemato l’ingresso principale. Si è provveduto alla ristrutturazione della Palestra Comunale compresi gli spogliatoi. Interventi anche agli edifici comunali con la sostituzione di tutti i serramenti esterni della biblioteca comunale e la verniciatura della scala del palazzo municipale. Sono stati resi agibili , e quindi assegnati, alcuni alloggi di edilizia residenziale pubblica fortemente danneggiati dall’alluvione del torrente Curone. Inoltre è stato realizzato un passaggio riservato ai pedoni sulla via Mazzini in un tratto particolarmente pericoloso».

Qualcosa di cui va particolarmente fiero?

«Degli interventi in campo socio assistenziale. Sono continuati i servizi a favore degli anziani, dei minori e dei disabili, sia per quelli che hanno bisogno di assistenza presso il proprio domicilio e sia per quelli che hanno bisogno di assistenza presso strutture. è stato costituito in locali comunali, grazie alla disponibilità di una volontaria, un centro ricreativo per anziani. è continuata la collaborazione con l’Associazione Assistenziale Aiutiamoci Casei Gerola e con la fondazione Carena che gestisce il servizio di Scuola Materna e Asilo Nido. Ogni anno sono stati finanziati i progetti educativi proposti dagli Insegnanti della Scuola Primaria e Secondaria Inferiore: educazione musicale, attività motoria, sportello psicologico, lettorato di lingua inglese, progetto contro il bullismo. Sono stati confermati i servizi di scuolabus, mensa, pre e post scuola».

Del centro sportivo che aveva sospeso le attività che dice?

«L’attività è ripresa con l’affidamento del servizio ad una nuova società. Così pure è ripresa l’attività della Pro Loco con cui l’Amministrazione ha collaborato nella realizzazione di diverse iniziative. Collaborazione che c’è stata anche con le altre Società Sportive e Ricreative che operano in paese».

Esistono progetti per il rilancio del Parco Le Folaghe?

«Dopo l’approvazione del Piano del Governo del Territorio l’Amministrazione Comunale dovrà approvare il nuovo piano particolareggiato che riguarda proprio il Parco Locale di Interesse Sovracomunale le Folaghe. La Regione ha avviato un procedimento per un nuovo ordinamento dei parchi regionali, e noi abbiamo chiesto e ottenuto di mantenere l’autonomia del nostro parco. Ora nel nuovo piano particolareggiato occorrerà definire i nuovi interventi per migliorare ed incrementare l’utilizzo di questa importante area verde che è stata riconosciuta parco dalla Regione nel 1998».

di Christian Draghi

Annamaria Franzoni è tornata libera. La mamma che fu condannata per l'omicidio del figlio Samuele Lorenzi a Cogne ha finito di scontare la sua pena. "Il raggiungimento del fine pena - spiega all'Adnkronos il legale di Annamaria Franzoni, Paola Savio - non deve suscitare stupore. Si tratta di un calcolo matematico frutto di aver usufruito dei benefici penitenziari di legge che prevedono 45 giorni di sconto di pena ogni semestre di detenzione patito". Dal 2014 Franzoni si trovava ai domiciliari.

"E' finita una storia giudiziaria che la mia cliente ha sempre vissuto nel rispetto delle regole pur professando sempre la propria innocenza", ha deto Paola Savio, legale di Franzoni, commentando all'Adnkronos la notizia. "E' tornata libera già da un po' - aggiunge l'avvocato - Ora la signora Annamaria spera di cadere nell'oblio non solo per se stessa ma anche per la sua famiglia e io mi auguro di tutto cuore che questo possa avvenire", conclude.

Sono 27 i progetti dei comuni lombardi che beneficeranno dei 2 milioni di euro aggiuntivi per la riqualificazione e l'adeguamento degli impianti sportivi, tra questi un contributo di 32.692 euro andrà sarà erogato per la riqualificazione del campo da calcio "Emilio De Martino” di Salice Terme.  Con questo incremento di 2 milioni di euro, salgono a 10 milioni gli investimenti che negli ultimi mesi sono stati stanziata dalla regione per gli impianti sportivi lombardi  . Il nuovo finanziamento di 2 milioni di euro, si va ad aggiungere a quello che in dicembre ha visto l'assegnazione, a fondo perduto, di 8 milioni di euro per un contributo assegnato a 68 comuni lombardi, per la messa a norma dei centri sportivi sul territorio regionale.

"Con questo incremento di 2 milioni di euro - ha sottolineato Martina Cambiaghi, assessore allo Sport e Giovani della Regione Lombardia - salgono a 10 milioni gli investimenti che negli ultimi mesi abbiamo stanziato per gli impianti sportivi lombardi. Risorse molto importanti che evidenziano ancora di più l'impegno del presidente Fontana, dell'intera Giunta e del mio assessorato a favore dello sport di base che viene praticato sul territorio. Un ulteriore sforzo che abbiamo voluto mettere in campo soprattutto per incentivare l'attività sportiva a tutti i livelli e in ogni area geografica della nostra regione".

INVIATE I VOSTRI COMUNICATI LE VOSTRE NEWS INERENTI ALL'OLTREPÒ A "IL PERIODICO NEWS" , ALL'INDIRIZZO MAIL : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Appuntamento prestigioso al Teatro Carbonetti di Broni, dove il 10 febbraio alle ore 17 andrà in scena il Don Giovanni di Wolfang Amadeus Mozart. L'allestimento, a cura di InCanto in Musica Spettacoli e  Prima Scena in collaborazione con Comune e Associazione Amici del Teatro Carbonetti, conclude la seconda edizione della masterclass internazionale di alto perfezionamento per cantanti lirici. Docente prestigiosa e madrina della serata,  il soprano Barbara Frittoli, interprete ideale del repertorio mozartiano, cantante dalla carriera prestigiosa, amatissima da direttori quali Kleiber, Muti e Abbado.

Una stella di prima grandezza del panorama lirico internazionale, che mette a disposizione la sua esperienza musicale ed attoriale in qualità di mentore ed artista. Lo spettacolo, godibilissimo, a cui assisterà il pubblico sarà  la messa in scena, in forma concertata con accompagnamento orchestrale,  dell'opera Don Giovanni di W.A. Mozart. Sul palcoscenico si avvicenderanno in un susseguirsi emozionante di arie duetti e concertati,  giovani professionisti del Belcanto. Interpreti provenienti da tutto il mondo e selezionati con cura per un debutto prestigioso.

La regia semplice ed essenziale è costruita per esaltare il ritmo incalzante voluto dal genio di Salisburgo, che in collaborazione con la poetica sottile ed ironica di Lorenzo Da Ponte, narra le vicende del dissoluto punito, Don Giovanni, qui interpretato dal basso baritono Ferruccio Finetti, una delle voci più interessanti uscite dal  Festival di Spoleto. L'orchestra InCanto in Musica sarà diretta dal M° Gianluca Fasano, mentre la sezione corale sarà affidata alla Corale Polifonica San Colombano diretta dal M° Paolo Cambieri. La Corale, tradizionalmente dedita ad un repertorio sacro, debutta per l'occasione nell'opera lirica. I movimenti coreografici sono di Eleonora Burtulla e Professione Danza di Pavia . La direzione artistica è di Malva Bogliotti e di Hanjai Kim, presidente dell'Associazione Italo Coreana Prima Scena e partner dell'iniziativa in collaborazione con Teatro Carbonetti, qui nella doppia veste di produttore e attrattore culturale  dal respiro internazionale.

Seconda edizione Masterclass internazionale di perfezionamento vocale,finalizzata all'allestimento in forma concertata dell'opera

Don Giovanni di W. A. Mozart

Docente Sig.ra Barbara Frittoli

M° collaboratore Sig.ra Nicoletta Olivieri

Orchestra InCanto in Musica

Direttore Gianluca Fasano

Corale Polifonica San Colombano

Direttore Paolo Cambieri

Movimenti coreografici di Eleonora Burtulla e Professione Danza

direzione artistica Malva Bogliotti e Hanjai Kim

Produzione InCanto in Musica Spettacoli  In collaborazione con Prima Scena e Associazione Amici del Teatro Carbonetti

INVIATE I VOSTRI COMUNICATI LE VOSTRE NEWS INERENTI ALL'OLTREPÒ A "IL PERIODICO NEWS" , ALL'INDIRIZZO MAIL : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Con la disputa, il 6 febbraio 2019, del Campionato d'Istituto del Liceo Galilei di Voghera, si è conclusa la fase interna dei Campionati Studenteschi che, venerdì, 12 febbraio, vedrà lo svolgersi della fase provinciale presso il DLF di Voghera ove si attendono quasi 40 squadre provenienti da Vigevano, Pavia e dalla stessa Voghera. Si conferma, dopo la vittoria dell'anno passato, Campione del Galilei, Gian Marco Salvaneschi che termina il torneo a punteggio pieno con 7 vittorie. Dietro di lui a 5 punti, un terzetto capeggiato, per spareggio tecnico, da Alessandro Aresu, Federico Pierin (primo della categoria Allievi) e Rachele Baiardi (prima femminile). A mezzo punto Leonardo Torti e, a 4 punti ben 5 giocatori: Ruben Medicina, Andreea Chirtes, Gregorio Zonca, Pablo Suescun e Alessandra Zizza. Seguono altri 11 giocatori.

Questo liceo ha finora vinto tutti i Campionati Provinciali a cui ha partecipato e cercherà di riproporsi quest'anno nelle categorie Allievi, Allieve e Juniores; l'anno passato la squadra Juniores Femminile, ai regionali, si qualificò per la finale nazionale.  All'Istituto Gallini il campionato si è svolto presso il convitto e, aperto ai soli convittori e semi-convittori, ha fatto registrare 12 partecipanti. Vincitore è risultato Francesco Riccardi con 5 punti su 5, a un punto il duo Deklan Gambato e Vittorio Giardini completa il podio. Il Gallini parteciperà ai Provinciali con due squadre Allievi.  

Presso il'Istituto Calvi (IPSIA e Maragliano) la fase d'istituto è stata disputata molto presto quest'anno scolastico, il 7 dicembre, questo per dar modo ai qualificati ai Campionati Provinciali di prepararsi per fare il miglior risultato di sempre. 26 i partecipanti in gara: ha vinto l'appena 16enne (categoria allievi) Gabriele Ceaus con 6,5 su 7, a un punto di distacco Alexandru Popa; terzo a 5 punti Jad Elyaagoubi, pari punti con Loredana Chirtes quarta assoluta e prima femminile. Seguono in 5a e 6a posizione Minai Bogoslov e Amedeo Colombi (secondo degli allievi).  

Rivedremo molti di questi giovani, in gara, al DLF di Voghera dove ci saranno in palio qualificazioni per i campionati regionali e 10 titoli provinciali. Si attendono quasi 40 squadre in gara, con oltre 120 studenti in gara.

INVIATE I VOSTRI COMUNICATI LE VOSTRE NEWS INERENTI ALL'OLTREPÒ A "IL PERIODICO NEWS" , ALL'INDIRIZZO MAIL : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Tre vetri delle finestre sfondati dai vandali con pezzi di ghiaccio rimasti a terra dopo la recente nevicata. Nel corso dello scorso fine settimana ignoti si sono introdotti nel cortile laterale della scuola Faravvelli ,di via De Amicis a Stradella,  scavalcando il cancello. Non è chiara la natura del gesto se si tratti di un atto vandalico oppure di un tentativo di entrare nell'edificio per fare razzia. Fatto sta che gli ignoti malfattori si sono poi allontanati facendo perdere le proprie tracce. Codacons: "Non è la prima volta che accade: già nel 2014 ignoti teppisti scavalcando il cancello avevano manomesso l'interruttore dell'energia elettrica lasciando al buio un'ala dell'edificio e al freddo tutte le aule. Si individuino i responsabili di questo gesto, oggi esposto in procura".

INVIATE I VOSTRI COMUNICATI LE VOSTRE NEWS INERENTI ALL'OLTREPÒ A "IL PERIODICO NEWS" , ALL'INDIRIZZO MAIL : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

"Grazie al Ministro dell'Interno, Matteo Salvini, sono stati stanziati 422.531,47 euro per la videosorveglianza a Pavia. Dalle parole ai fatti: con la Lega, più sicurezza e più legalità. Dopo il Decreto Sicurezza, l'ultimo bando stabilito dal Viminale ha previsto infatti questi ulteriori fondi per aumentare il controllo del territorio e, in particolare, dei centri più piccoli. 
Questo l'elenco dei Comuni beneficiari e dei rispettivi fondi assegnati: Barbianello (30.871,49 euro), Bosnasco (51.050,40), Casteggio (8.540,00), Cigognola (22.345,52), Lardirago (33.580,60), Mezzana Bigli (48.800,00), Pavia (29.996,22), San Giorgio di Lomellina (2.500,00), San Martino Siccomario (17.552,50), Sannazzaro de' Burgondi (25.620,00), Tromello (31.674,74), Unione Comuni Lombarda Prima Collina (120.000,00).
Come parlamentare pavese esprimo dunque soddisfazione per questa misura destinata alla nostra città e alla nostra provincia, un prezioso strumento deterrente nel contrasto alla criminalità nelle piazze e nelle strade dei centri urbani, a beneficio di cittadini e famiglie e ad ulteriore sostegno dell'egregio lavoro svolto dalle nostre forze dell'ordine". Così la deputata pavese della Lega, Elena Lucchini."

INVIATE I VOSTRI COMUNICATI LE VOSTRE NEWS INERENTI ALL'OLTREPÒ A "IL PERIODICO NEWS" , ALL'INDIRIZZO MAIL : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

  1. Primo piano
  2. Popolari