Venerdì, 19 Luglio 2019
Primo Piano

Primo Piano (685)

Licio Gelli non smette mai di far parlare di sé, anche a due anni di distanza dalla morte. Il maestro venerabile della tanto discussa loggia massonica P2, continua a lasciare una scia di segreti e misteri. In questo caso si parla del suo testamento, otto pagine delle sue ultime volontà in cui vengono elencati beni più che cospicui destinati in eredità ai tre figli, parenti, alla governante e alla storica segretaria. Non solo Villa Wanda e un'altra villa in Costa Azzurra ma anche veri e propri latifondi in Sudamerica, con fattorie, palazzi e terreni edificabili; in Paraguay, Gelli avrebbe posseduto…
In un momento storico in cui spesso accade di assistere a proteste di stranieri naturalizzati italiani che chiedono la rimozione di simboli cristiani dalle aule scolastiche, per “rispetto” delle proprie convinzioni religiose, può anche capitare che genitori italiani laici o atei, chiedano la rimozione di crocifissi e Madonne dalle pareti della scuola, così come una diminuzione del tempo dedicato alle preghiere, oltre che la rimozione di foto e manifesti dei vari Papi, da Wojityla a Bergoglio. Capita a Palermo, nella scuola pubblica Ragusa Moleti, dove è partita una “crociata”, è il caso di dire, di alcuni genitori contro l’impostazione troppo…
l direttore generale dell'Ama Stefano Bina si è dimesso e il Cda ha preso atto delle sue dimissioni. E' quanto si apprende da fonti della municipalizzata dei rifiuti di Roma. L'incarico verrà ricoperto ad interim dal presidente e amministratore delegato, Lorenzo Bagnacani. Non c'è pace per l'azienda dei rifiuti romana Ama. Prima di lui altri manager hanno lasciato l'azienda. Alessandro Solidoro, amministratore unico, si dimise nel settembre del 2016 lo stesso giorno che la giunta Raggi perse l'assessore al bilancio Marcello Minenna. Solidoro aveva preso il posto di Daniele Fortini, amministratore delegato di Ama, che ebbe un duro scontro con…
Il gesto criminale del lancio di un sasso da un terrapieno ha ucciso ancora: non sul colpo. Non per l’impatto del macigno sul parabrezza – che pure ha sfondato il parabrezza – per lo choc subito da una donna, la passeggera di un’Opel Astra su cui viaggiavano 5 persone, colta da malore e deceduta poco dopo il vile agguato per arresto cardiaco. Gli inquirenti sono al lavoro per ricostruire dinamica e tempistica di quanto accaduto ieri sera, intorno alle 23.30 all’altezza di Cassano d’Adda sulla strada provinciale che da Cernusco sul Naviglio (Milano) procede in direzione di Carugate (Milano). Le…
Un lieto e giusto epilogo per la bimba di 7 anni che da circa due mesi era in attesa di “trovare posto” in una scuola elementare di Voghera, da quanto si apprende verrà inserita alla San Vittore. Ci sono voluti due mesi e un avvocato che ha in primis scritto all’Ufficio scolastico provinciale e fatto poi partire una diffida all’istituto comprensivo di via Dante, istituto da cui dipende la “Provenzal”, scuola a cui i genitori per motivi logistici si erano rivolti per iscrivere la loro figlia. “Le seconde classi sono al completo” così si sono sentiti rispondere i genitori della…
Dopo l'episodio della diffusione da parte di tifosi laziali, di adesivi raffiguranti Anna Frank con indosso la maglia della Roma, torna il dibattito sull’antisemitismo. L'intento degli ultras laziali era quello di offendere, come se l'immagine della Frank potesse essere usata come insulto. Non è la prima volta che le curve degli stati ospitano episodi del genere e la domanda che sorge spontanea è se, al di là del tifo (malato) e degli ultras, il sentimento antiebraico sia ancora diffuso nella nostra società. Una recente indagine condotta dal Centro di Documentazione Ebraica Contemporanea (CDEC) assieme all’istituto IPSOS, ha voluto indagare quali…

  1. Primo piano
  2. Popolari