Martedì, 20 Agosto 2019

CARABINIERE UCCISO, FERMATI 2 AMERICANI

Due ragazzi americani sono stati fermati dalla procura nell'ambito delle indagini sull'omicidio del vicebrigadiere Mario Rega Cerciello, ucciso a Roma con otto coltellate. Si tratterebbe di due 19enni in vacanza nella capitale che in queste ore vengono interrogati dagli inquirenti.

L'omicidio è avvenuto poco dopo le 3, quando un equipaggio della stazione di piazza Farnese è intervenuto in via Pietro Cossa, nel quartiere Pariti, per un "cavallo di ritorno" di una borsa, rubata poco prima in Piazza Mastai. Bloccati dai militari, uno dei due ha estratto un coltello con il quale ha pugnalato il carabiniere colpendolo otto volte, una al cuore. Trasportato d'urgenza al Santo Spirito, è morto intorno alle 4 dopo un tentativo di rianimazione. I funerali si terranno lunedì alle 12 nella chiesa di Santa Croce a Somma Vesuviana.

Ad imprimere una svolta forse decisiva all'indagine sarebbero stati i filmati delle telecamere di sorveglianza nell'area di Piazza Mastai e dell'hotel in Prati vicinissimo al luogo del delitto, l'esame e l'incrocio dei tabulati telefonici dei telefoni personali e del telefono rubato nelle ore seguite al delitto. Nonché alcune testimonianze oltre alle prime, parziali, analisi scientifiche sui reperti rinvenuti nella stanza da letto.

Si fa preponderante l'idea che all'origine dello scippo possa esserci una motivazione legata alla droga. Il furto sarebbe stato quindi compiuto per ottenere i soldi necessari ad acquistare sostanze stupefacenti dai pusher in attività nell'area di Trastevere. Da ambienti investigativi trapela comunque fiducia relativamente alla possibilità che i due fermati possano rendere a breve una confessione su quanto accaduto.

LE INDAGINI - Nel corso delle ricerche, gli investigatori hanno estratto da una grata un oggetto appuntito, simile a un punteruolo. Resta da capire se sia riconducibile all’omicidio. Come del resto il comune coltello da cucina che è stato estratto dal fondo di un’altra grata sul lato opposto del palazzo, all’altezza del civico 54 di via Belli.

SI ERA SPOSATO UN MESE FA - Il vice brigadiere era tornato 10 giorni fa dal viaggio di nozze. Dopo il matrimonio aveva trascorso con la moglie la luna di miele in Madagascar e aveva ripreso servizio da pochi giorni. Appena avuta la notizia dell'uccisione il comandante generale dell'Arma dei Carabinieri, generale Giovanni Nistri, ha voluto incontrare i familiari per esprimere loro cordoglio e vicinanza. "Nella sua nuda essenza anche la tragedia più grande è fatta di numeri: il Vice Brigadiere Mario Cerciello Rega aveva 35 anni, era sposato da 43 giorni e 13 ne erano passati dal suo ultimo compleanno. È morto stanotte a Roma per 8 coltellate, inferte per i 100 euro che i 2 autori di 1 furto pretendevano in cambio della restituzione di 1 borsello rubato. In gergo si chiama 'cavallo di ritorno'" scrive l'Arma dei Carabinieri su Facebook. "Ma quei numeri non sono freddi - continua il post - sono il conto di un’esistenza consacrata agli altri e al dovere, di una dedizione incondizionata e coraggiosa, di un amore pieno di speranze e di promesse. E la tragedia reca la cifra più alta: l’infinito". "Il più vivo dolore per una mancanza che affligge 110 mila Carabinieri. Il più vivo cordoglio ai Suoi cari, che stringiamo in un immenso, unico abbraccio", conclude l'Arma.

BAMBINI PORTANO FIORI SUL LUOGO DELL'OMICIDIO - “Abito in zona, voglio che i miei figli di sette e 11 anni capiscano quello che succede in città, nella vita. Devono capire che ci sono persone che perdono la vita per tutelarci. Sono stupito che non ci sia nessun altro”. Così  Francesco, 48 anni, un libero professionista residente nel rione Prati che alle 11.50 è venuto in via Cossa con i figli, Michele e Matilde, per posare un mazzo di fiori bianchi sul luogo dell’omicidio del carabiniere. Una messa in suffragio del vice brigadiere ucciso verrà celebrata questa sera alle 18.30. Lo ha detto padre Kramer, il sacerdote della chiesa Santa Maria dei Pellegrini, proprio di fronte alla stazione dei carabinieri di piazza Farnese.

  1. Primo piano
  2. Popolari