Sabato, 15 Dicembre 2018

VOGHERA – ASM , FATTURAZIONI SBAGLIATE: «INIZIATO UN SERVIZIO PERSONALIZZATO DI RATEIZZAZIONE AD INTERESSI ZERO»

Dopo una quasi triennale esperienza come consigliere, dal 2 Maggio 2018 Monica Sissinio ha accettato di assumere la Presidenza di ASM Vendita e Servizi. Ma gli inizi sono stati problematici con il “caso” delle bollette sbagliate ed il polverone che ne è conseguito. Abbiamo incontrato Monica Sissinio.

Sissinio un inizio di mandato di Presidenza piuttosto tormentato...

«Non posso negarlo, ma guardi, al di là di tutto, le voci dei detrattori mi pare si perdano nel nulla! Le faccio un primo esempio, della più assoluta banalità. ASM Vendita e Servizi ha acquistato, in un’ottica di implementazione dei servizi e per meglio organizzare e rispondere alle richieste dei clienti, il Taglia-code. Lei sa cos’è? è quella “colonnina” con una sorta di cilindro in testa che distribuisce i biglietti numerati per delineare una coda d’attesa, “colonnina” comprensiva di display elettronici che segnalano il numero di riferimento del biglietto. è uno strumento presente nelle Poste Italiane, nei supermercati, ed in tanti altri posti, pubblici e privati, ove l’afflusso di clienti può generare confusione. Bene: siamo stati accusati di aver “dovuto” acquistare il Taglia-code in virtù dello smisurato aumento delle proteste! Ma non è assolutamente vero! Al contrario, essendo passati da 2 sportelli aperti al pubblico a 10, da Luglio 2018, abbiamo voluto evolvere, percorrendo una strada di più civile rispetto per i clienti in attesa. Gli sportelli attualmente aperti al pubblico sono, inoltre, dislocati, separati in due tronconi all’interno della struttura: mi sembrava doveroso mettere a disposizione uno strumento “tecnologico” migliorativo del servizio! è vero che, con l’empasse di fatturazione verificatosi la scorsa primavera, ci sono stati clienti che si sono recati agli sportelli chiedendo informazioni, ma è anche vero che presso gli stessi sportelli si aprono nuove utenze, si effettuano volture di contratti già in essere, si spostano contatori, si effettuano aumenti di potenza delle forniture, e, da quest’anno, ci si rivolge per scegliere il fornitore, passando dal mercato di tutela al libero mercato. Sono 48.000 posizioni, tra energia elettrica e gas! Al 31 Dicembre 2017 ancora ASM non aveva operato alcuna soluzione commerciale per questa prassi, ma l’Autorità lo pretendeva! E fortunatamente, oltre che per fidelizzazione e gratificazione, la quasi totalità dei nostri clienti, ai quali la cosa viene spiegata e proposta, sceglie di rimanere con ASM!».

Quando è partita questa operazione commerciale di, mi passi il termine, fidelizzazione?

«Abbiamo iniziato lo scorso Maggio, in occasione della Fiera dell’Ascensione, perché allora la scadenza era Giugno 2019, mentre poche settimane or sono è stata prorogata al 2020. Calcoli che la mia Presidenza è iniziata il 2 Maggio scorso! Quindi ho avuto, insieme ai miei uffici tutti ed al personale più che efficiente che fortunatamente abbiamo, 15 giorni circa per organizzare questa promozione! Ed in quei 3 giorni di Fiera abbiamo davvero fatto un Boom di sottoscrizione di contratti...».

Nei giorni scorsi, su di un social network, si è aperta una, chiamiamola, polemica sull’acquisto di bottiglie di vino di locali produttori a sostegno di questa campagna promozionale, ed anche a riguardo la spesa effettuata per lo stand fieristico dell’Ascensione. Lei lo conferma?

«Assolutamente sì. Non abbiamo acquistato casse di vino per festini privati: abbiamo omaggiato i clienti che decidevano, e decidono, perché ancora oggi lo facciamo, di rimanere con ASM nel libero mercato con una bottiglia di ottimo vino delle aziende del territorio. Pensi che, avendo effettuato circa 200 contratti nel primo giorno di promozione durante la Fiera dell’Ascensione di Maggio 2018 appunto, ed avendo la sottoscritta firmato una richiesta per 200 bottiglie totali per tutti e 3 i giorni, la sera del primo giorno, d’urgenza, abbiamo dovuto richiedere ulteriori bottiglie, arrivando ai 600 contratti del terzo ed ultimo giorno! Non ci trovo nulla di scandalistico, né tanto meno scatenante sterili polemiche».

In verità, la “polemica-vino” verteva sui 4 “Giovedì di Sera” estivi...

«Posso immaginare, perché effettivamente, durante quelle 4 serate, avendo la nostra Società aperto un temporary info-point nella struttura comunale adiacente al Municipio in Piazza Duomo, ove abbiamo continuato a far promozione e “firmare” clienti, le Aziende produttrici di vino ci hanno richiesto di poter effettuare una pubblica degustazione omaggio, con costi e spese a loro carico, sotto i portici antistanti il nostro info-point! Mi sembra un’iniziativa assolutamente da lodare, non da condannare...!».

E per quanto riguarda lo stand in occasione della Fiera cittadina?

«Abbiamo voluto e dovuto, in termini di presenza commerciale, allestire uno stand ampio e confortevole, con un certo appeal nei confronti della cittadinanza. Le pare che potevamo proporci come valida alternativa nel libero mercato con una postazione piccola e brutta?! E le dirò che abbiamo optato per la scelta vincente, tant’è vero che il nostro era lo stand più “affollato”, con il salottino per i clienti in attesa ed i giochi per i bimbi, che potevano trascorrere i minuti che vedevano i genitori impegnati a colloquio con il nostro personale disegnando e colorando con i pastelli! Ritengo sia stata una bella scelta anche questa».

Veniamo al “tasto dolens” d’inizio della sua Presidenza: cosa è successo con le famigerate fatturazioni?

«Ha ragione: vero “tasto dolens”... Si è verificata questa situazione. La precedente gestione, intendo quella antecedente alla mia Presidenza, era più... come dire... “ad personam”. Non era, così come l’abbiamo trasformata in questi mesi, interamente digitalizzata e computerizzata, a livello amministrativo. Era una commistione tra tecnologico ed “amanuense”, dal normale retaggio precedente. A Febbraio 2018 la fatturazione comincia a rallentare... Viene deciso, quindi, di renderla completamente automatizzata, e dalla tarda primavera si va in questa direzione, installando strumenti hardware e software di grande affidabilità, ma che ahimè non riescono completamente a “risolvere” il problema creatosi precedentemente, avendo bisogno di ulteriore consulenza informatica, legata ovviamente alla conoscenza aziendale “storica”... mi spiego meglio: i nuovi strumenti informatici di automazione ci hanno richiesto, per tornare a lavorare in condizione di normalità, un grandissimo impegno di inserimento-dati manuale per ricostruire situazioni, personali e/o comunque diciamo di gestione generale aziendale. Quando accettai l’incarico e mi insediai, il 2 Maggio scorso, ancora era in atto questo lavoro. Dal periodo estivo abbiamo ripreso a fatturare, e siamo ritornati alla normalizzazione dei ritmi. Ci tengo a dire, per comunicarlo pubblicamente ai nostri clienti, che ASM Vendita e Servizi riconosce a sé, certamente, l’empasse creatasi in questi mesi, e, per meglio accudire appunto i nostri clienti, abbiamo iniziato un servizio personalizzato di rateizzazione del pregresso, entro il 31 Gennaio 2019, ad interessi zero. Questo anche perché, come già successo, è possibile che l’attuale fatturazione del pregresso sia “stretta”, cioè, è possibile che il cliente si veda recapitare 2 o 3 fatture a mensilità ravvicinata. Con la rateizzazione si cerca di rendere il più indolore possibile il raggiungimento della parità economica e tempistica».

La Società è, come si dice nella nuova terminologia, congrua?

«Assolutamente sì! Il bilancio 2017 si è chiuso con più di 1 milione di Euro di utile, a fronte dei 300.000,00 Euro di chiusura del bilancio 2016! Stiamo crescendo, cercando investimenti anche nei paesi della valle e dell’Oltrepò in generale, ci stiamo modernizzando, stiamo attuando politiche di promozione tese all’acquisizione di nuovi clienti e nuovi servizi! Ci crediamo, insomma».

di Lele Baiardi

  1. Primo piano
  2. Popolari