Sabato, 17 Novembre 2018

OLTREPÒ PAVESE - MALTEMPO : PROTEZIONE CIVILE, ALLERTA ARANCIONE

La Sala operativa della Protezione civile della Regione Lombardia, ha emesso una comunicazione di di moderata criticità (codice arancione) per rischio idrogeologico sulle zone omogenee IM-14(Appennino pavese, provincia di Pavia). Stesso codice arancione, ma per rischio idraulico, è comunicato sulle zone IM-14 (Appennino pavese,provincia di Pavia). La Sala operativa segnala anche codice arancione per rischio vento forte su tutte le zone omogenee.

Dalla mattina al pomeriggio-sera si prevedono precipitazioni diffuse e continue, insistenti nuovamente in Oltrepò Pavese, specie nella seconda parte della giornata, le precipitazioni assumeranno anche carattere di rovescio e temporale, con fenomeni che localmente potranno risultare anche di forte intensità. Si avrà inoltre un generale marcato rinforzo dei venti che persisterà per tutta la giornata.  In particolare per una fascia temporale estesa da metà mattina a buona parte del pomeriggio la velocità media si attesterà tra i 20 e i 40 km/h, nel pomeriggio-sera potranno diffusamente rinforzare ulteriormente, sino a  registrare velocità  medie orarie tra i 40 e i 50km/h

INDICAZIONI OPERATIVE - La Sala operativa chiede di segnalare con tempestività eventuali criticità che dovessero presentarsi sul proprio territorio in conseguenza del verificarsi dei fenomeni previsti, telefonando al numero verde della Sala di Protezione Civile regionale 800.061.160 o via mail all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Guida alle Allerte di Protezione civile: Comunicazioni e Avvisi di Criticità Regionali

Le allerte di protezione civile emesse da Regione Lombardia non sono esclusivamente dei bollettini di previsioni meteorologiche, ma contengono informazioni sui probabili effetti che i fenomeni previsti possono avere su determinati territori.

A seconda della previsione degli effetti al suolo e al superamento di determinate soglie, i tecnici del Centro Funzionale Monitoraggio Rischi Naturali (CFMR) possono determinare l’intensità/criticità dei diversi rischi (idrogeologico, idraulico, temporali forti, neve, valanghe, vento forte, incendi boschivi), dando indicazioni sulle azioni (fasi operative) che il Sistema di Protezione civile locale deve predisporre per limitare i danni e salvaguardare la popolazione, in linea con quanto previsto nei Piani di Emergenza Comunale. Questo rende le allerte strumenti fondamentali per la risposta all’emergenza da parte del territorio. Per una descrizione del sistema di allertamento, si rimanda alla sezione Come funziona l'allertamento di Protezione civile in Lombardia.

Il CFMR con un anticipo di 12/36 ore emette allerte diverse a seconda dell’intensità/codice colore dei fenomeni previsti:

Comunicazioni per codice giallo;

Avvisi di Criticità Regionale per codice arancione e rosso;

Avvisi di Criticità Regionale localizzati su aree a particolare vulnerabilità per rischio idraulico.

Le previsioni meteo sono fornite da ARPA Lombardia - Servizio Meteorologico Regionale. Le previsioni idrologiche-idrauliche si basano sui risultati delle catene modellistiche del sistema SINERGIE e della piattaforma FEWS (AIPo) e su prodotti sviluppati dal CFMR di Regione Lombardia.

Codice giallo

In caso di Codice giallo (ordinaria criticità) su uno o più rischi viene inviata ai sistemi locali di Protezione civile una Comunicazione che indica come un particolare fenomeno si manifesterà in un determinato territorio (es. vento forte) e suggerisce la predisposizione di attività operative minime iniziali di sorveglianza, anche se l’intensità è considerata affrontabile e gestibile localmente. Per il codice giallo rischio vento forte, si potrebbero verificare crolli di impalcature o di alberi su strade. Spetta alle autorità locali decidere quali ulteriori attività intraprendere per la sicurezza della popolazione, in linea con quanto previsto nel Piano di Emergenza Comunale.

Avviso di Criticità (codice arancione e rosso)

In caso di codice arancione (criticità moderata) e rosso (elevata) su uno o più rischi, il CFMR emette un Avviso di Criticità regionale. Il documento nel titolo indica il tipo di codice colore, per tipo di rischio e le zone di allerta. Contiene poi una sintesi meteorologica e una tabella che riporta:

dettaglio delle zone omogenee di allertamento IM-14(Appennino pavese, provincia di Pavia)

scenari di rischio (es. idrogeologico o idraulico)

decorrenza della criticità (es. 19/09/2017 h.00.00 sino al 20/09/2017 ore 00.00)

livelli di criticità (arancione/rosso)

fase operativa minima da adottare (es.attenzione o preallarme)

A questa tabella seguono le valutazioni degli effetti al suolo, con indicazioni sugli effetti degli scenari attesi e suggerimenti sulle azioni da predisporre, quale la sorveglianza e il monitoraggio. Ad esempio, nel caso di temporali forti, con codice arancione, si potrebbero verificare danni alle coperture e a strutture provvisorie, lesioni da fulmini, caduta di alberi, danni alle colture, problemi per la sicurezza dei voli amatoriali. Viene consigliata di predisporre un'adeguata attività di sorveglianza e l'attuazione delle misure previste nel Piano di Emergenza Comunale.

Spetta alle autorità locali decidere quali ulteriori attività intraprendere per garantire la sicurezza dei cittadini.

Per alcuni bacini caratterizzati da un’alta vulnerabilità e da una ripetitività e rilevanza degli eventi di piena, sono emessi degli speciali Avvisi di criticità localizzati, per codice colore arancione e rosso. Queste zone sono legate al rischio idraulico del fiume Po, dell’Area Metropolitana Milanese (comprendente i bacini di Olona, Lambro, Seveso e altri minori) e al rischio idraulico del fiume Secchia.

Queste allerte, oltre alle previsioni meteo, contengono informazioni sui dati di monitoraggio idrometrico comunicati dalle stazioni idrometriche delle zone coinvolte, con indicazioni sulla variazione dei livelli delle acque a diversi intervalli di ore.

  1. Primo piano
  2. Popolari