Mercoledì, 26 Settembre 2018

METTERE AL MONDO UN FIGLIO OGGI È UN PROBLEMA

”Scegliere di mettere al mondo un figlio nel nostro Paese rimane un grosso problema, perché rappresenta ancora un carico economico e professionale enorme, in particolare per le mamme. Il problema è che oggi gli ostacoli da affrontare per portare avanti una gravidanza e potersi prendere cura di un figlio in Italia sono davvero tanti. Ecco perché oltre una donna su tre tra i 25 e i 49 anni è inattiva. Oggi, insomma, lo Stato costringe le donne ad abortire i propri sogni e progetti”. Commenta così la vicepresidente nazionale del Forum delle associazioni familiari, Emma Ciccarelli, i numeri del rapporto di Save The Children Le Equilibriste: la maternità in Italia, diffuso in occasione dell’imminente Festa della Mamma. Tra i dati che risaltano nello studio, il tasso di disoccupazione femminile e in particolare delle madri, tra i più alti in Europa, con un terzo delle mamme che non ha mai lavorato e neanche cerca un lavoro a causa degli impegni familiari.”L’Italia – prosegue Ciccarelli – è diventato un Paese ormai ostile alla maternità, eccezion fatta per alcune città più sensibili al tema: si arriva sempre più tardi a fare un figlio, spesso perché il lavoro è precario e mantenere la prole ha un costo economico sempre meno sostenibile. Eppure, un recente sondaggio dell’Istituto Toniolo sui desideri dei giovani ci indica che i nostri ragazzi hanno ancora un forte desiderio di famiglia, anche se poi non sempre riescono a realizzarlo”. “Occorre che tutto il Paese e le sue istituzioni politiche in primo luogo – conclude – s’impegnino come mai prima d’ora per costruire politiche strutturali che siano di accompagnamento e sostegno alla maternità. Solo a quel punto i sogni di maternità e paternità di tanti aspiranti genitori potranno finalmente diventare realtà”

  1. Primo piano
  2. Popolari