Venerdì, 21 Luglio 2017

INDURRE AD UN PARTO CESAREO “INUTILE” SI RISCHIA FINO A 4 ANNI DI CARCERE

 

Mettere un freno al ricorso eccessivo al parto cesareo e incentivare la pratica del parto naturale, è l'obiettivo di una serie di proposte di legge presentate negli ultimi tempi per arginare l'uso di questa pratica chirurgica particolarmente invasiva, soprattutto alla luce degli ultimi dati diffusi dal Ministero della Salute, secondo il quale nel solo 2015 il 34,1% dei bambini è stato fatto nascere tramite parto cesareo. In commissione alla Camera è in corso in questi giorni l'esame della proposta di legge a firma Adriano Zaccagnini, presentata l'11 marzo 2016, contenente "Norme per la tutela dei diritti della partoriente e del neonato e per la promozione del parto fisiologico". La proposta ha come scopo quello di "favorire il parto fisiologico, spontaneo, eutocico, normale e naturale nonché promuovere l’appropriatezza degli interventi al fine di ridurre il ricorso al taglio cesareo, al parto vaginale operativo e a tutte le pratiche lesive dell’integrità psico-fisica della donna". Tra queste pratiche il provvedimento annovera "l’episiotomia, la ventosa, il forcipe, la rottura artificiale delle membrane, la manovra di Kristeller, l’induzione del travaglio e ogni altra pratica a cui la donna non abbia espressamente consentito". La pdl mira inoltre a "promuovere l’informazione sulla libertà di scelta dei luoghi del parto, incluso il parto extraospedaliero, in un domicilio privato o in qualunque altro luogo indicato dalla donna, nonché in case di maternità adiacenti o situate al di fuori dell’ospedale". "Le donne che hanno subìto il taglio cesareo - si legge sempre nella proposta di legge Zaccagnini - hanno diritto a un’adeguata assistenza nel periodo post-operatorio". In caso di abbandono e trascuratezza è prevista una multa di mille euro "a prescindere dal fatto che si siano verificate conseguenze dannose, fatto salvo il diritto al risarcimento del danno in caso di lesioni personali". Il provvedimento obbliga il personale medico a "informare la donna circa la possibilità di affrontare in piena sicurezza un travaglio e un parto spontaneo anche in caso di pregresso taglio cesareo" e fissa per i responsabili di violenza ostetrica una pena detentiva da due a quattro anni. La proposta di legge Zaccagnini è abbinata ad altri provvedimenti analoghi a firma Paola Binetti (Misto-Udc), Elena Carnevali, Vittoria D'Incecco e Daniela Sbrollini (Partito democratico), Vega Colonnese (Movimento 5 Stelle), Benedetto Fucci (Misto - Conservatori e riformisti), Marisa Nicchi (Sinistra Italiana-Sel).

 

   

  1. Primo piano
  2. Popolari