Sabato, 22 Luglio 2017

APP DI 'STATO' VERIFICA AUTENTICITÀ CONTRASSEGNI VINI DOC E DOCG

Si chiama 'Trust your wine' la nuova app realizzata dall'Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato(Ipzs) per verificare anche on line l'autenticità dei dati riportati sul contrassegno delle bottiglie Docg e Doc e l'effettiva provenienza del vini. Presentato oggi al Vinitaly, vuole essere uno strumento in più nella lotta alla contraffazione, dove vengono garantiti la sicurezza dell'acquisto, il controllo veloce e, tramite la conservazione della lista dei controlli, la possibilità di segnalare alle autorità eventuali dubbi sull'autenticità dei prodotti.

''Non si tratta di una delle tante app sui vini ma di quella ufficiale che interroga un sistema informativo dello Stato'', ha spiegato l'ad di Ipzs, Paolo Aielli - perché il sistema si basa su algoritmi robusti che forniscono un identificativo alfanumerico per ogni esemplare di prodotto; potenzialmente può interessare quasi 2 miliardi di 'fascette' a denominazione di origine prodotte ogni anno''. Il contrassegno di Stato, come ha detto Stefano Zanette, presidente del Consorzio Prosecco Doc che ha ospitato la presentazione nel suo stand, è volto a garantire il produttore e favorire la scelta consapevole del consumatore.

Quanto al funzionamento dell'app, tramite la fotocamera dello smartphone è possibile fotografare il datamatrix stampato sul contrassegno di Stato; interrogando il sistema informativo si verifica la corrispondenza del codice di controllo con quello presente sul contrassegno, si visualizzano quindi sul dispositivo mobile informazioni relative alla bottiglia di vino, alcune delle quali riportate in etichetta, come cantina e anno di produzione e altre non presenti come il numero di certificato del lotto.

 

  1. Primo piano
  2. Popolari