Sabato, 27 Maggio 2017

RALLY 4 REGIONI 2017 - UN RITORNO AL PASSATO CON QUATTRO GIORNATE DI PROVE SPECIALI

 

Un evento d'altri tempi, la notizia è di quelle che fanno il botto dando adito a incredulità e contemporaneamente fanno il giro dei social in pochissimi secondi; finalmente anche in provincia di Pavia (e in quelle limitrofe) arriva un rally storico simile al "Giru de Corsica Historic", al "Rally del Marocco" e al "Sardaigne Historic Rally". Dalla geniale mente di Yves Loubet (ex pilota Lancia, oggi a capo del YL. Historic Rally & Events) entusiasmato dai racconti del suo amico JeanClaude Andruet, vincitore del 4 Regioni 1981 al termine di una straordinaria rimonta su Pregliasco al Circuito di Cecima, e dall'ottimo lavoro portato avanti dal Presidente Aci Pavia, Marino Scabini, ecco che nasce una nuova creatura: il 4 Regioni Historic Rally Classic International.

 

L'attenzione che la YL. Historic Rally & Events ha posto sul 4 Regioni non è casuale, infatti la gara pavese è internazionalmente conosciuta per un feeling particolare che la lega agli albori del rallysmo moderno, prova di riserva del mondiale 1976, perenne teatro di sfide interminabili, è sempre stata seguita da un pubblico immenso e competente, generoso e pronto ad applaudire le imprese dei vari Lampinen, Munari, Ballestrieri, Paganelli, Darniche, Beghin, Carello, Bettega, Andruet, Biasion etc.

 

La sua storica durezza, le interminabili ronde e l’inimitabile Circuito di Cecima fanno parte della più bella favola che i solisti del controsterzo abbiano saputo scrivere sulle strade che si snodano tra le alture appenniniche le quali abbracciano gli angoli più belli delle colline di Lombardia, Liguria, Emilia e Piemonte. Con il Rally 4 Regioni 2017, per il quale negli anni ruggenti si fermava l’intero Oltrepo e tutte le zone limitrofi con scuole e posti di lavori disertati per poter assistere ai passaggi di Munari, Paganelli, Ballestrieri, Verini, Cambiaghi e altri ancora…

 

Si vuole ritornare al passato con quattro giornate di prove speciali su fondo asfaltato e impegnativo, 820 chilometri di gara di cui 300 di prove cronometrate. Un'avventura entusiasmante tra motori e piloti, organizzatori e appassionati. Di giorno e di notte, alla luce del sole e delle fotocellule, per "vivere" la coinvolgente bellezza dell’edizione 2017 del Rally 4 Regioni in programma dal 5 al 8 luglio.

 

"Il nostro sarà un rally per tutti, per i professionisti e per gli appassionati – dice Marino Scabini – è la formula più interessante degli ultimi anni. Sempre più persone infatti vogliono avvicinarsi a questo tipo di esperienze. Mettersi alla prova, verificare i propri limiti, misurarsi con difficoltà e con situazioni lontane dall’ordinaria quotidianità dei rally attuali. Ma abbiamo pensato anche a chi non vuole allontanarsi troppo dalla tradizionalità di questi ultimi tempi, ed ecco che al fianco del più impegnativo Rally Internazionale, c'è il classico Rally 4 Regioni Storico con i suoi 2 giorni di gara (venerdì sera e sabato) di 252 chilometri (di cui 97 di Prove Speciali), insomma, ce né per tutti i gusti".

 

Dunque, la novità di quest'anno in casa Aci Pavia consiste in "Due rally storici in uno". Infatti, per la prima volta assisteremo ad un rally storico al cui interno vivrà un secondo rally storico. Entrambe le manifestazioni, sia quella a carattere internazionale di 4 giorni, che quella nazionale di due giorni, saranno aperte alla Categoria Regolarità Sport. Il programma prevede, dopo le verifiche tecnico-sportive a Salice Terme nella giornata di Mercoledi 5 luglio, il via del Rally internazionale dalla centralissima Piazza Vittoria a Pavia alle ore 19.30, per concludersi a Salce Terme alle ore 21.00, dopo aver disputato la prova spettacolo.

 

La gara riprenderà giovedì mattina alle 9.00 da Salice, per affrontare le 6 prove in programma su tratti storici quali: Penice e Pometo, prima di sconfinare in Emilia per la prova di Pecorara, tutte da ripetere due volte e intervallate, tra il primo e secondo passaggio, da un riordino a Bobbio alle 12.23, mentre l’arrivo della prima vettura a Salice Terme è previsto per le ore 17.35. Venerdì 7 luglio, alle ore 09.00, mentre a Salice Terme si darà inizio alle verifiche tecnico-sportive degli equipaggi iscritti al Rally 4 Regioni Storico Nazionale, sempre dal centro termale prenderà il via la terza tappa del Rally Internazionale i cui concorrenti affronteranno 9 prove speciali che interesseranno le località di Cecima, che per l'occasione riproporrà l’intero Circuito passato agli annali della storia del rallysmo, quindi Castellaro, Guardamonte, che sconfina in Piemonte, e Pozzolgroppo. Due i riordini previsti, il primo a Varzi alle 14.43 ed il secondo a Salice Terme alle 18.00. Qui il Rally entrerà nella sua massima spettacolarità. Da Salice, infatti, scatterà nel contempo anche il Rally 4 Regioni Storico che alle ore 19.00, si presenterà allo start della P.S. di Pozzolgroppo unitamente al rally internazionale pronto ad offrire uno spettacolo unico, dopo di che, la prima vettura raggiungerà il traguardo di tappa a Salice Terme alle 19.20. 

 

Tutti assieme per il gran finale sabato 8 luglio con partenza da Salice Terme alle ore 09.00 per affrontare le ultime 8 prove speciali, tra cui la spettacolare Rocca Susella con i suoi 24 chilometri di tecnica pura, da ripetere due volte, la classica Oramala da percorrere tre volte così come i 7 chilometri della "Pozzolgroppo".

 

Due saranno i riordini previsti, entrambi a Salice Terme, vero fulcro vitale di tutta la manifestazione; il primo alle ore 11.37 ed il secondo alle 15.54. Tutto questo fino all'emozione finale dell’arrivo all’ombra del viale delle Terme con i fotografi, le tv, le autorità, le interviste, lo spumante dell'Oltrepo, la gioia dei vincitori e la delusione degli sconfitti, ma tutti con la consapevolezza di essere stati protagonisti di un evento d'altri tempi.

 

Untitled-1

  1. Primo piano
  2. Popolari