Domenica, 24 Settembre 2017

VOGHERA SOTTO LE STELLE: "CIRCA 4 MILA EURO A SERATA SONO POCHISSIMI"

Conclusa la rassegna "Voghera sotto le stelle" che ha animato i giovedì sera cittadini, l'assessore plenipotenziario (cultura, commercio, attività produttive e scuola) Marina Azzaretti si gode il successo della manifestazione. Quattro serate da tutto esaurito, con piazza Duomo gremita di gente, ma non senza qualche polemica. A cominciare dalla spesa effettuata per le serate, finita nel mirino del Movimento a 5 Stelle che ne ha chiesto conto con una interpellanza. La vulcanica inventrice del "Viva Voghera!" non ci sta e replica piccata.

Assessore Azzaretti, i 20mila euro lordi versati all'agenzia Ferrari E20 per la gestione della manifestazione sono tanti o pochi?

"Non scherziamo, si tratta di una cifra appena sufficiente a coprire i costi. Circa 4 mila euro a serata sono pochissimi, basta pensare a quanto costa un service e un gruppo principale per rendersi conto che tanti hanno collaborato a titolo pressoché gratuito, cosa che neppure mi pare corretta. Persone che si sono date da fare per amore della loro città e perché hanno creduto in me e in questo progetto e che per questo ringrazio. Il Comune a mio modo di vedere dovrebbe investire molto di più in queste iniziative, purtroppo con i limiti del bilancio non è stato possibile".

Esibizioni a titolo gratuito. L'anno scorso ci fu un po' di polemica perché lei chiese agli artisti di esibirsi gratis. Quest’anno avete pagato tutti?

"Abbiamo pagato le esibizioni principali, alcuni invece si sono gestiti autonomamente con i locali e bar che hanno fatto suonare".

Immaginiamo che le diano il budget che desidera. Che iniziativa realizzerebbe?

"Il mio impegno sarebbe quello di allargare queste serate spalmandole su una zona più ampia della città e dare una continuità durante un periodo dell’anno più lungo. Poi i 5 stelle se vogliono chiedano il conto. Oppure si tirino su le maniche e si diano da fare magari organizzando qualcosa anche loro. Parlare è sempre più facile". 

Il fiore all’occhiello della kermesse è stato il Voghera’s Got Talent. Anche senza troppa puzza sotto il naso, qualcuno potrebbe obiettare che dall’assessorato alla cultura ci si potrebbe aspettare qualcosa di maggior spessore…

"Voghera sotto le stelle è una manifestazione per la città. La cultura è a 360 gradi, non esiste solo quella di nicchia, che al più può rappresentare un valore aggiunto. Non può essere invece l'unico valore per tutta la collettività che, ricordiamolo, è uscita da un periodo di lunga stasi dove ognuno era chiuso in casa oppure a vivere la città in una maniera del tutto scollata. Queste iniziative hanno come scopo il risvegliare il senso di appartenenza alla città, che deve innanzitutto ritornare a vivere. Poi, nel caso di Voghera’s got talent, si tratta di un'opportunità per molti di andare  sul palco e mostrare le proprie capacità, intraprendendo magari una strada positiva e svilupparle ulteriormente. Questa è cultura della crescita individuale. La gente poi ha apprezzato e tocco con mano questa soddisfazione tutti i giorni, per le strade".

Quattro giudici fissi per ogni appuntamento: Renato Faller, Miky Orione, Lallo Tanzi e Fabio Tordi con la collaborazione di Matteo Para. Perchè questa scelta?

"Ringrazio molto i quattro giudici che sono stati simpatici e poliedrici e che si sono messi a disposizione della città. La scelta delle persone è stata fatta dall'organizzazione e non direttamente da me".

Passando alla cultura "di nicchia", che ci dice del Teatro Sociale, a cui lei tra l'altro ha una delega speciale?

"Stiamo preparando il bando per l’assegnazione dei lavori, che dovranno iniziare entro il gennaio del 2018.  Da lì trascorreranno circa 2 anni per vederne la fine e poter finalmente programmare la riapertura".

A bruciapelo: Teatro riaperto con il nastro tagliato da Marina Azzaretti sindaco. Come la vede? Si vocifera che Carlo Barbieri potrebbe candidarsi alle regionali del prossimo anno e lasciare così la guida della città…

"Non so cosa sia intenzionato a fare Barbieri, che al momento è il sindaco e sta facendo un ottimo lavoro. Per quanto mi riguarda posso dire che di impegno per la mia città ne sto mettendo tanto e non mi spaventerebbe metterne di più".

Cosa c'è in cantiere per i prossimi mesi? L’Iria Castle Festival si rifarà anche quest’anno?

"Sì, il progetto è stato appena rifinanziato dalla Fondazione Cariplo e si svolgerà da metà settembre a metà ottobre. Il Castello riaprirà il 15 settembre con una super rievocazione storica, mentre il 14, sempre in piazza Duomo, ci sarà la finale di Voghera’s Got Talent.  Sarà un mese intero di eventi, uno al giorno. Si esibiranno varie associazioni e artisti cittadini che hanno già fatto richiesta fino a riempire il calendario. Danza, presentazioni letterarie, musica. Tutte le realtà artistiche potranno esibirsi".

 

  1. Primo piano
  2. Popolari