Sabato, 24 Giugno 2017

OLTREPO PAVESE - MIGRANTI: SERVONO PIU’ CONTROLLI SULLA CONDIZIONE IGIENICO-SANITARIA DELLE STRUTTURE DI ACCOGLIENZA

 “In provincia di Pavia siamo già ben oltre le previsioni del piano ANCI di ripartizione dei richiedenti asilo sul territorio. Bisogna adottare criteri di distribuzione più equi. Serve un sistema diverso da quello esclusivamente affidato ai privati e che garantisca il rispetto delle condizioni igienico-sanitarie, a tutela della stessa dignità dei migranti ma anche delle comunità che li ospitano”. Vittorio Pesato, Consigliere regionale della Lombardia per Forza Italia, è il primo firmatario di una interrogazione a risposta immediata sul tema dell’immigrazione presentata alla Giunta Maroni.

“Nessuno mette in dubbio il diritto-dovere alla solidarietà – spiega Pesato – ma questo principio non può prescindere dalle reali condizioni di inclusione che i singoli territori sono in grado di esprimere. Già adesso in alcuni Comuni del Pavese si riscontra una presenza di richiedenti asilo molto elevata, che crea alle amministrazioni locali enormi difficoltà sul fronte della gestione della sicurezza pubblica e su quello della tutela igienico-sanitaria. Il fatto poi che l’accoglienza venga affidata dalle stesse autorità statali solo a soggetti privati, senza neppure rispettare i criteri di riparto previsti dal piano ANCI, passando di fatto sulla testa dei nostri Sindaci, rende difficile l’attività di controllo e ogni politica di integrazione. E’ necessaria una distribuzione più equa dei migranti, evitando sperequazioni tra Comuni che oggi sono fin troppo evidenti. Ecco perché ho chiesto alla Giunta regionale di conoscere quali siano le condizioni igienico-sanitarie dei migranti che si trovano nel Pavese, la loro provenienza e la loro attuale distribuzione nei Comuni del territorio”.

 

  1. Primo piano
  2. Popolari