Lunedì, 27 Marzo 2017

RIVANAZZANO TERME : "NON ABBIAMO VINTO LE ELEZIONI, DOVREMO RINUNCIARE DI PIÙ"

 Le elezioni nel comune di Rivanazzano Terme sono ormai vicine, è ora di "tastare" dai diretti interessati, per chi ha voglia al momento di "dichiararsi" quali sono gli scenari che si sono o si stanno delineando.  Stefano Alberici è uno di quelli che non ha nessun problema a "metterci la faccia" e a parlare liberamente  della coalizione che  appoggerà il candidato alla poltrona di Sindaco.

 Alberici avete da poco inaugurato la nuova sede del partito democratico che lei ha a definito "luogo d’incontro di tutte le realtà politiche e sociali del territorio".

 "Sì, abbiamo trovato finalmente un'ubicazione più consona rispetto a quella precedente che si trovava a Salice. Ora siamo a Rivanazzano, come giusto che sia, in Via Silvio Pellico. La sede è  riservata a tutti gli iscritti, al momento 35 e aperta a tutti gli elettori che si riconoscono nell’aerea democratica. Ciò non toglie che possa diventare luogo di discussione  aperto a tutti su temi e problematiche d’interesse comune".

 Pur essendo lei di area democratica e “contro” la lista di Romano Ferrari alle passate elezioni, i rapporti con la maggioranza sono sempre stati buoni. Il suo giudizio sull’ amministrazione Ferrari è quindi positivo?

 "Devo dire che ho sempre  avuto buoni rapporti con l’amministrazione ed il mio giudizio sul loro operato è sostanzialmente positivo,  quello che va dato atto al Sindaco è di averci sempre coinvolto in  tematiche trasversali e di interesse comune, come la battaglia contro la Pirolisi. E’ ovvio poi che abbiamo due visioni della politica opposte ma siamo l’esempio di come si possa collaborare per il bene del proprio paese anche se di colore diverso".

 Si vocifera di un accordo tra la sua lista e quella di Ferrari. E' vero?

 "Certo che è vero. E' un accordo di tipo politico, trasparente e ne confermo senza nessun tipo di problema l’ufficialità. Ci siamo trovati e abbiamo condiviso una serie di idee e progetti , stiamo lavorando sul programma e sulla condivisione di chi sarà il candidato Sindaco".

 Domanda d’obbligo: chi sarà il candidato Sindaco?

 "Al momento non abbiamo nessun nome, posso dirle che sarà una figura condivisa".

 Quale sarà l'apporto in termini di persone nella giunta in caso di vittoria?

 "Ognuno rinuncerà  a qualcosa e/o a qualcuno,  noi ovviamente non abbiamo vinto le passate elezioni quindi dovremo rinunciare di più mi passi l’espressione, comunque saranno due i rappresentanti della mia lista, io ed una donna".

 Ferrari a chi rinuncerà?

 "Non ne ho mai fatto una questione di nomi, nulla di personale con nessuno della giunta, deciderà lui. Si torna a 12 consiglieri invece di 7 quindi ci sarà spazio per tutti…". 

Frange di malumori per questa unione? 

 

"Nessuno, è stata una celta condivisa, assolutamente lo dico con estrema serenità.  Abbiamo tutti capito e concordato che era una scelta  pensata e logicamente corretta, sarebbe stato per noi impossibile vincere se ci fossimo presentati “da soli”, testimonianza le passate elezioni".

 

Altre liste all'orizzonte

 

"Auspico e credo che  l'attuale minoranza Zelaschi, Bertelegni  o qualcuno vicino al Dottor Fabbri si riuniranno per proporre al paese una loro lista,  mi sembra doveroso, anche se l’azione di minoranza non è mai stata particolarmente propositiva ma piuttosto limitante  per la maggioranza stessa".

 

Quale sarebbe il suo ruolo all’interno della giunta?

 

"Io sono già stato assessore durante la giunta Barbieri con delega allo sport  e questo è senza dubbio  il mio ambito di competenza maggiore,  credo che potrei apportare in questo ambito un discreto contributo".

 

Le cose che più le stanno a cuore e che proporrà nella campagna elettorale?

 

"Come PD e come programma della nostra lista  auspichiamo ad un’unione dei comuni, solo lavorando   insieme si possono affrontare progetti consistenti, quindi sicuramente ci muoveremo in tal senso, massima collaborazione con tutti i comuni limitrofi da Retorbido a Godiasco , poi la raccolta differenziata, Rivanazzano potrebbe fare da capofila ad  un progetto condiviso.  Progetti con le scuole per migliorare il senso civico e rilanciare la rete già esistente tra le varie Associazioni di volontariato".

 

Lei prima ha citato Godiasco. Tra poco ci saranno le elezioni, la collaborazione con il comune di Godiasco sarà con chiunque prenda le redini del comune?

 

"Chiunque purchè non sia uomo della sfera 'Berognana'".

 

Untitled-1

  1. Primo piano
  2. Popolari