Venerdì, 21 Luglio 2017
"La Trippa"

"La Trippa" (24)

Pochi anni fa il buon Calderoli, allora Ministro, annunciava che avrebbe tagliato 87 mila "sedie" di politici che le occupavano nelle innumerevoli province e nello sterminato numero di comuni italiani. Tutti i sindaci, dal comune più piccolo di 100 abitanti, al comune più grande, ora si lamentano dei tagli da parte dello stato italiano. I soldi a pioggia non arrivano più e anche in Oltrepo gli amministratori pubblici si lamentano: si lamentano de' che? Ma dove vivono? Non hanno ancora capito che non c'è più "trippa per gatti"? La realtà dei fatti è una sola, ci sono due cose di…
Il cattivo funzionamento della giustizia è uno dei maggiori problemi che affligge il nostro Paese. Ma non è colpa dei magistrati se le cose non vanno bene da decenni nei tribunali. I giudici applicano le leggi approvate dal Parlamento; questo è il problema. Non c’è proporzione nell’entità della pena, fra chi uccide e chi commette dei reati nell’ambito di un’amministrazione aziendale. Volendo fare un esempio… A Verdini sono stati inflitti nove anni di carcere per il fallimento del Credito Cooperativo Fiorentino; può essere anche una condanna giusta, ma non c’è proporzione con le condanne per omicidio, spesso risibili. In alcuni…
Con una sentenza al giorno emessa dal TAR, dal Consiglio di Stato e addirittura dalla Corte Costituzionale, continua la telenovela del gasdotto che, partito dall’Azerbaijgian, arrivato all’ultimo di 878 chilometri, si ferma sulle coste pugliesi, bloccato da carte bollate, manifestanti, Sindaci con fascia, polizia antisommossa e ora persino da bambini che vengono mandati a fermare i camion. Mentre Trump sblocca il carbone in USA, noi facciamo la battaglia degli ulivi contro il gas pulito. E’ un fatto che accade nell’estremo lembo d’Italia, nel Salento, ma la piacevole sensazione di volere tutto e il contrario di tutto è molto italiana. Anche…
Donald Trump ha passato gli ultimi anni annunciando al mondo che l’idea degli Stati Uniti riguardo la politica internazionale avrebbe dovuto cambiare profondamente. Iniziò nel 2013, ai tempi dei suoi tweet infuocati contro Barack Obama. In quelle frasi social che tanto adora e che tanto utilizzava, Trump si chiedeva come fosse possibile che gli Stati Uniti decidessero i destini delle nazioni del mondo. Era un Trump che chiedeva a Obama di dimenticarsi della Siria, di pensare all’Obamacare, al lavoro negli Stati Uniti. Un Trump che addirittura diceva che la questione del Daesh era un affare interno della Siria e dei…
Per qualche strambo malefizio l’Italia, un tempo Patria di grandi inventori e scienziati — giusto per gradire Leonardo, Volta, Marconi, Natta, ma la lista è infinita … — e d’imperiosi modernizzatori — si pensi solo a Cavour, Mattei, Olivetti —, da mezzo secolo, anno più anno meno, è condizionata da una rumorosa minoranza di reazionari bucolici, di passatisti “progressisti”. Di rompiscatole localisti ed egoisti. Di pensatori da osteria. Lo conferma, una volta di più, la penosa sceneggiata pugliese sui duecentoundici (211!) ulivi da espiantare (e poi reimpiantare) per permettere la realizzazione di un’opera che permetterà di diminuire la nostra dipendenza…
Ricordate quando il governo Prodi doveva a ogni costo ridurre il debito pubblico perchè così ordinavano FMI e UE, e quindi si è fatto di tutto , svendendo i gioielli di famiglia? Poi è arrivato Berlusconi che toglieva imposte e faceva regali a tutti, ma FMI e UE non protestavano, e alla fine il debito era più alto di prima. Chi pensa di essere stato preso per il didietro ha ragione, ma non è politicamente corretto ammetterlo. Tra i gioielli da vendere c’era una delle più estese reti autostradali d’Europa, in ottime condizioni ma con basso valore di mercato perchè…

  1. Primo piano
  2. Popolari