Lunedì, 27 Marzo 2017
"La Trippa"

"La Trippa" (18)

Ha ragione Briatore: trasferiamoci tutti a Malindi, in Kenya; si spende meno che a Cortina. E' l'endorsement che il geometra ha fatto a Grillo, pure lui a Malindi da dove ha trasmesso il suo discorso farneticante di fine anno, casomai ascoltando le intramontabili note di "sapore di mare" di Gino Paoli, ex deputato PCI, anche lui affezionato alle spiagge incontaminate dell'Africa. Devo dire però che Briatore mi sta simpatico perché con il passare degli anni è diventato un vero comico mentre Grillo un bravo comico non lo è mai stato. La filosofia briatoriana la si può ridurre con la battuta…
La reputazione politica sia in Italia che in Oltrepo nell'immaginario collettivo degli elettori e della gente in generale è sempre più bassa, giusto o sbagliato che sia. Del resto il costante calo di votanti alle elezioni testimonia il calo di fiducia e di interesse nelle politica, anche oltrepadana. A Roma discutono sul taglio degli stipendi ai parlamentari, qualcuno giudica questa discussione di secondaria importanza, qualcuno la giudica demagogia, qualcuno la giudica una cosa corretta perché in un momento in cui il paese sta attraversando gravi difficolt? economiche anche i politici dovrebbero dare l'esempio, diminuendo gli eventuali stipendi, rimborsi e facilitazioni…
I grandi giornali a cominciare dal New York Times e dal Washington Post che da tempo avevano dato il loro appoggio incondizionato a Hillary. Aggiungi i cosiddetti esperti che per mesi hanno fatto transumanza da un canale all’altro della televisione, annunciando che il candidato Hillary Clinton aveva una completa sicurezza di raggiungere i 270 voti di deleghe necessarie per la elezione alla presidenza degli Stati Uniti. Hanno sbagliato i dignitari del partito repubblicano che hanno voltato le spalle a questo candidato spurio che rompeva tutte le regole della politica corretta che fa parte del bagaglio culturale di questa nazione. Hanno…
Morire per conflitto di competenze, morire per eccesso di burocrazia, morire perchè tutti vogliono il potere senza mai assumersi la responsabilit? che le decisioni importanti in realt? comportano. Il dramma di questo Paese non è solo la politica parolaia, inconcludente e autoconservativa, ma è soprattutto la burocrazia anacronistica, cervellotica e bizantina che paralizza le Istituzioni nella loro essenziale operativit? quale crocevia di passaggi inutili e dannosi, funzionali solo a giustificare nel migliore dei casi la presenza in ufficio o per far prosperare la corruzione invece nel peggiore. Il disastro del crollo del ponte sulla provinciale per Lecco dove ha perso…
I sondaggi ci dicono che il 17% degli elettori si recher? a votare, ma ancora è indeciso se votare SI o NO. E visto la quasi parit? fra le due opzioni, saranno proprio gli indecisi a determinare la vittoria degli uni su gli altri. L’indeciso di sinistra, che conosco io, credo che sia rappresentativo di molti altri . Fino dal primo momento il suo era un NO secco, sulla base di un giudizio di merito sulla proposta di riforma. Ma le dichiarazioni del Premier: “se vince il no me ne vado” lo hanno frenato. E dopo, chi governa? I grillini,…
Alcuni giorni orsono mi trovavo in un negozio di gastronomia oltrepadano per acquisti. Prima di me stava facendo l'ordinazione al gentilissimo addetto alle vendite una bella signora che richiese: "Mi può tagliare due etti di eccellenza dell'antico borgo dell'alto Oltrepò? E desidererei anche una bottiglia di eccellenza del nostro terroir di uno dei borghi del medio Oltrepò". L’addetto alle vendite dalla faccia rugosa, che ad occhio e croce ne deve aver visti molti di clienti e sentite molte di richieste strampalate, guardandomi con fare interrogativo mi chiese: "Sala dit la siura?" (Cosa ha detto la signora?) ed io che per…
Untitled-1

  1. Primo piano
  2. Popolari