Lunedì, 01 Maggio 2017
Curiosità

Curiosità (248)

Nel 2016, almeno 1.032 persone sono state messe a morte in 23 paesi nel mondo. La denuncia arriva da Amnesty International che nel rapporto pubblicato oggi sottolinea come la maggioranza delle condanne a morte siano state eseguite in Cina, Iran, Arabia Saudita, Iran e Pakistan, in questo ordine. La Cina - prosegue - rimane il maggior esecutore al mondo, ma la reale entità dell’uso della pena di morte in questo paese è sconosciuta perché i dati sono classificati come segreto di stato. Per questo motivo, il dato complessivo di 1.032 esecuzioni non tiene in considerazione le migliaia di sentenze capitali…
 Otto condanne a morte fissate in 11 giorni nello stesso Stato perché il farmaco utilizzato per uccidere i condannati sta per scadere. E' questa la discussa decisione che arriva dall'Arkansas, dove il Governatore Asa Hutchinson ha calendarizzato le prossime esecuzioni in base alla data di scadenza del 'sedativo della morte', il midazolam. A riportare la notizia è l'Independent. A partire dalla prossima settimana, e fino al 27 aprile - se i rispettivi legali non dovessero vincere i ricorsi presentati davanti al giudice federale dell'Arkansas nella giornata di lunedì -, i condannati saranno quindi giustiziati in massa tramite iniezione letale in…
Per la prima volta negli ultimi decenni si assiste alla diminuzione degli abitanti del nostro Paese. La popolazione italiana diventa sempre più vecchia: oltre 1 italiano su 5 ha più di 65 anni. Ma nel contempo si riduce il numero dei centenari. Al 1 gennaio 2016 più di 3 residenti su 100 mila avevano 100 anni ed oltre. E’ quanto emerge dal Rapporto Osservasalute 2016, pubblicato dall'Osservatorio nazionale sulla salute nelle Regioni italiane dell'Università Cattolica di Roma, presentato oggi al Policlinico universitario Agostino Gemelli. La diminuzione degli italiani residenti - si legge nel Rapporto - è dovuta in gran parte…
Maglia nera all’Italia in Europa per la lunghezza dei processi civili. Il nostro Paese resta la lumaca dell’Unione europea, superata solo da Cipro, per la lentezza delle cause civili e commerciali. In media, secondo i dati del quinto Justice Scoreboard, pubblicato dalla Commissione europea, in Italia occorrono ancora oltre 500 giorni, in media, per chiudere una causa in primo grado (dato 2015). Nell’Unione europea solo Cipro riesce a far peggio, con oltre 600 giorni, ma l’ultimo dato disponibile per l’isola risale al 2013. Giustizia lenta, all’Italia la maglia nera La situazione in Italia è migliorata rispetto al 2013, annus horribilis,…
Percepiva la pensione di invalidità poiché "affetto da gravissimo deficit funzionale a carico di entrambe le mani". In realtà le utilizzava normalmente, per fare la spesa, aprire le porte, guidare e giocare a carte al bar con gli amici. Il falso invalido è stato scoperto dalla guardia di finanza di Bra, nel Cuneese, che lo ha denunciato. Truffa aggravata e continuata ai danni dell'Inps l'accusa nei suoi confronti.Nei guai è finito un uomo di mezza età, che le fiamme gialle hanno filmato mentre utilizzava le mani invalide senza nessuna difficoltà. L'intervento rientra tra le attività della guardia di finanza a…
Il terrorismo per i bambini è la prima paura (per quasi il 90%), ma comunque preferiscono (97%) essere informati su ciò che succede nel mondo, e anche su fenomeni che non capiscono e che li inquietano, come i casi di cronaca nera e i femminicidi. Avere informazioni permette di "avere meno paura" (67%) e "evitare il pericolo" (53%). E' il quadro che emerge dalla ricerca 'I bambini devono sapere: il ruolo della corretta informazione oggi sul target dei nativi digitali', realizzata dall'Osservatorio Tips Ricerche e presentata da DeaKids a Cartoons on the bay, il festival internazionale dell'animazione cross-mediale e della…
Untitled-1

  1. Primo piano
  2. Popolari