Venerdì, 28 Aprile 2017

“L’OLTREPO CHE NON PIACE, IL DISTRUTTIVO SPROLOQUIO DELLA CLASSE POLITICA” ci scrive il Signor Luigi Nascimbene di Voghera

"Egregio Signor Direttore, da molto tempo ormai ogni mezzo d’informazione (di qualunque ideologia, palese o sottintesa) inizia riproponendoci quotidianamente il trito teatrino della politica dell’Oltrepò , dove si alternano varie comparse, che ci deliziano con fortunatamente brevi ma sfortunatamente numerose esternazioni, dirette di volta in volta a: ingiuriare, denigrare e smentire gli avversari, denunciare magagne e presunti brogli altrui, smascherare complotti, ipotizzare catastrofi sociali orditi dagli avversari, assurgendo infine ciascuno a strenuo difensore della morale e dei diritti dei cittadini. È ormai purtroppo evidente che tutte queste esternazioni, che per inciso non servono a costruire nulla ma al contrario a tutto distruggere, sono utili non ai cittadini ma solo a questi modesti personaggi politici allo scopo di mettersi in mostra, nella perenne lotta a sgomitate alla conquista di punti in una interminabile campagna elettorale. Di conseguenza è altrettanto evidente che queste inconcludenti e sgangherate zuffe tra partiti interessano tutt’al più solo gli iscritti ai vari partiti (e forse neppure loro). Ma se gli iscritti ai vari partiti in Italia non superano il 3%, perché gli altri 97% di italiani devono sopportare quotidianamente, ben oltre il limite della saturazione, questa mediocre quotidiana rappresentazione, col rischio di deprimere ancor più la già modesta fiducia dei cittadini nella politica? "

 

Untitled-1

  1. Primo piano
  2. Popolari