Giovedì, 17 Agosto 2017

ZAVATTARELLO : “IL MONDO CHE VORREI..E’ QUI A ZAVATTARELLO”

In occasione della  Giornata Mondiale del Rifugiato promossa dall’agenzia UNHCR delle Nazioni Unite, la L.I.A. ente gestore del Centro Di Prima Accoglienza Straordinaria di Zavattarello organizza alla 2° FESTA INTERETNICA “IL MONDO CHE VORREI..E’ QUI A ZAVATTARELLO” che si terrà presso la Palestra Comunale di Zavattarello, sita in Via della Chiesa, in data 17 Giugno, con inizio previsto alle ore 17.30 

“IL MONDO CHE VORREI…A ZAVATTARELLO” è una cena sociale, finalizzata non solo alla presentazione e consumazione di pietanze tradizionali tipiche dei Paesi di provenienza degli ospiti all’interno del centro, ma indirizzata verso una presa di coscienza consapevole verso le tematiche del pluralismo interculturale da parte della popolazione locale.  L’appuntamento è aperto a tutta la cittadinanza ed è pensato come occasione di incontro e socializzazione tra persone di diverse culture e tradizioni.  Elementi caratterizzanti della festa, nonchè prove tangibili di una gran voglia di riscatto sociale, saranno la musica realizzata dal gruppo musicale afroasiatico “Zava Refugees Worldbeat band”, l’esposizione dei lavori artigianali ed artistici (falegnameria, tessili, scultorei…) creati all’interno dei laboratori del centro, la mostra fotografica che ripercorrerà i 2 anni di attività con i richiedenti asilo, danze e raffigurazioni teatrali che si ispireranno ad opere tradizionali dei paesi di provenienza degli attori ed  infine la cena etnica in cui, novelli chef provenienti dall’Asia e dall’Africa cercheranno di deliziare il palato degli avventori e racconteranno di sapori lontani da quelli del territorio che li ospita ma non meno caldi ed intensi componendo piatti originali, gustosi e colorati Tutti i partecipanti alla festa saranno protagonisti attivi dell’evento. Verranno letteralmente catapultati in un Viaggio in giro per il mondo ed il tempo al fine di mantenere viva una memoria storica troppe volte dimenticata. Questo viaggio sarà possibile grazie all’organizzazione di momenti di confronto durante i quali tutti potranno toccare con mano e mettersi in gioco sul tema dell’immigrazione.

 

  1. Primo piano
  2. Popolari