Lunedì, 24 Luglio 2017

VARZI - “MÆI PERDLA CHE TRÚVÒLA “

L’appuntamento per gli amatori della commedia dialettale è a Varzi, presso il teatro della Casa di Riposo della Fondazione S. Germano, sabato 8 aprile, ore 21 e domenica 9 aprile ore 15 con la commedia di Fiorenza Lanfranchi, intitolata “MÆI PERDLA CHE TRÚVÒLA “.

L’associazione culturale “Varzi Viva” s’impegna a proseguire il progetto di ricordare e far conoscere, attraverso il divertimento e il coinvolgimento di giovani interpreti, la cultura popolare varzese e del territorio montano, perché ritiene  importante, per una comunità, avere coscienza della propria identità e delle sue origini come una grande eredità: l’eredità della nostra storia. Divertire è un obiettivo, ma riscoprire la tradizione e il significato del dialetto è la priorità da non dimenticare: è una sfida che la compagnia sente valida tanto più che anche il linguista e neuroscienzato pavese Andrea Moro, nell’ultimo saggio premiato in America, sostiene che destreggiarsi tra più idiomi, dialetti inclusi, serve all’encefalo per sviluppare le proprie abilità cognitive.

La fonte ispiratrice della commedia è la memoria degli emigranti varzesi, partiti su piroscafi, nei primi anni del Novecento, verso le Americhe, in cerca di fortuna. Alcuni, negli anni ’60, ormai anziani, tornarono nel loro paese natio per un breve periodo di vacanza, a rivedere parenti, amici e a dimostrare d’aver avuto successo. La vicenda si svolge negli anni ‘60 nella Trattoria Unione, contrada Fèra, dove è arrivata da New York la sorella del proprietario: un felice ritorno, che ha in serbo però qualche sorpresa. La “mericana”, con atteggiamenti da gran signora, fa immaginare d’aver fatto fortuna in America e di essere molto ricca: infatti, uno dei suoi progetti è di costruire una villa in contrada Commenda. I familiari la sconsigliano, perché è una matura zitella, e vorrebbero che conservasse i suoi dollari per l’imminente vecchiaia… e anche per le giovani nipoti, che devono finire gli studi, ma lei è irremovibile. Da questo punto di partenza si sviluppano episodi sorprendenti, che avranno un finale dolce-amaro.

La prevendita dei biglietti è presso la cartolibreria di Deglialberti Silvana, in via Pietro Mazza, Varzi.

Per informazioni rivolgersi all’Associazione “Varzi Viva” – Via di Dentro, 1 - Varzi.

Tel. 0383-545061; e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

  1. Primo piano
  2. Popolari