Lunedì, 24 Luglio 2017
Articoli filtrati per data: Venerdì, 14 Aprile 2017

Sesta nomination per il concorso "il Periodico Pallone e Panchina blu" che premierà il miglior giocatore e il miglior allenatore dell'Oltrepo Pavese.
Dal 14 APRILE sarà possibile votare sulla nostra pagina Facebook il proprio giocatore o allenatore preferito

 

PANCHINA BLU  

NOMINATION MESE DI APRILE PER IL PERIODICO PANCHINA BLU 

Capitan Eros Rebolini: 1° Rebolini (Casei); 2° Domenichetti (Nizza); 3° Tondo (Portalberese).

Capitan Pazzi: 1° Palladini (Bressana); 2° Baiardi (Lungavilla); 3° Tondo (Portalberese).

Capitan Pellegrini: 1° Albertini (Casteggio), 2° Giacomotti (Varzi), 3° Pagano (Bastida).

Capitan Marcolin: 1° Tondo (Portalberese); 2° Giacomotti (Varzi); 3°° Dianin (Spartak Linarolo).

Capitan Falvella: 1° Bisacco ( APOS Stradella); 2° Tondo (Portalberese); 3° Albertini (Casteggio).

Capitan Tacconi: 1° Tondo (Portalberese); 2° Albertini (Casteggio); 3° Bisacco (APOS Stradella).

Capitan Borioli: 1° Seveso (Voghera); 2° Pagano (Bastida); 3° Tondo (Portalberese).

Capitan Albertotti: 1° Tondo (Portalberese); 2° Seveso (Voghera); 3° Pagano (Bastida).

Capitan Corti: 1° Bisacco ( APOS Stradella); 2° Domenichetti (Nizza); 3° Giacomotti (Varzi).

Capitan Gandini: 1° Pagano (Bastida); 2° Tondo (Portalberese); 3° Giacomotti (Varzi).

Capitan Rossi: 1° Albertini (Casteggio); 2° Tondo (Portalberese); 3° Palladini (Bressana).

Capitan Picolla: 1° Tondo (Portalberese); 2° Seveso (Voghera); 3° Pagano (Bastida).

Capitan Magrassi: 1° Piccinini (Rivanazzanese); 2° Domenichetti ( Nizza); 3° Seveso (Voghera).

Capitan Manini: 1° Bissacco (APOS); 2° Domenichetti ( Nizza); 3° Rangon (Hellas Torrazza).

Capitan Musolino: 1° Giacomotti (Varzi); 2° Seveso (Voghera); 3° Albertini (Casteggio).

Capitan La Valle: 1° Bissacco ( APOS Stradella), 2° Pagano (Bastida), 3° Baiardi (Lungavilla).

Capitan Gambone: 1° Pagano (Bastida), 2° Cremonesi (Salice V.S:), 3° Giacomotti (Varzi).

Capitan Bernardo: 1° ° Palladini (Bressana); 2° Marrazzo (Broni);3° Tondo (Portalberese).

Capitan Novelli: 1° Albertini (Casteggio); 2° Tondo (Portalberese); 3° Baiardi (Lungavilla).

 

Capitan Bianchini: 1° Marrazzo (Broni); 2° Bisacco (APOS Stradella); 3° Seveso (Voghera).


CLASSIFICA GENERALE APRILE PANCHINA BLU

ALLENATORE MARZO PRESTAZIONI NOMINATION FACEBOOK TOTALE
Tondo (Portalberese) 2496 80 250 77 2903
Pagano (Bastida) 1959 130 130 5 2224
Baiardi (Lungavilla) 1826 250 40 4 2120
Albertini (Casteggio) 1509 260 130 4 1903
Landini (Svincolato) 1864  0  0 6 1870
Bisacco ( APOS Stradella) 1552 70 150 7 1779
Giacomotti (Varzi) 1436 150 110 8 1704
Marrazzo (Broni) 1275 240 50 5 1570
Domenichetti (Nizza) 1226 30 80 37 1373
Carmignani (Svincolato) 1279  0 4 1283
Rebolini (Casei) 965 180 30 2 1177
Ricci (Zavattarello) 929 150  0 2 1081
Rangon (Hellas Torrazza) 898 40 10 4 952
Rebecchi (Svincolato) 848  0  0 2 850
Cavo (Svincolato) 760  0  0 3 763
Seveso (Voghera) 417 240 100 2 759
Cremonesi (Salice Valle Staffora) 552 170 20 3 745
Dianin (Spartak Pinarolo) 664 60 10 4 738
Cami (Svincolato) 624  0  0 5 629
Palladini (Bressana) 220 220 100 4 544
Picchi (Svincolato) 541  0  0 2 543
Piccinini (Rivanazzanese) 128 120 0 4 252
Abeli (Retorbido) 122 50 30 6 208
Balestra (Castelletto) 62 80 0 22 164

  

 

 PALLONE BLU

NOMINATION MESE DI APRILE PER IL PERIODICO PALLONE BLU 

Mister Giacomotti: 1° Re (Voghera,DIF); 2° Ferrari (Bastida, POR); 3° F.Zani (Casteggio, ATT); 4° Casagrande (Voghera, CEN).

Mister  Albertini: 1° Barbieri (Montebello, CEN); 2° Tacconi (Bressana, DIF); 3° Averaimo (Vofgera, ATT), 4° Dilernia (Montebello, POR).

Mister  Seveso: 1° Bruscaglia (Bastida, CEN); 2° Cigagna (Bastida, DIF); 3° Scarzanella (Varzi, POR); 4°  Baroncelli (Casteggio).

Mister  Bissacco: 1° Tacconi (Bressana, DIF); 2° Castagna (Rivanazzanese, ATT) 3° Falvella (Bastida, CEN); 4° Verzanini (Voghera, POR).

Mister  Pagano: 1° Gandini (Lungavilla ,CEN); 2° Pellegrini (Voghera, ATT); 3° Re (Voghera; DIF); 4° Verzanini (Voghera; POR).

Mister  Palladini: 1° Guidi (Casteggio, DIF); 2° Bruno Ferrari (Bastida, POR); 3° Finizio (Casteggio, CEN); 4° Pellegrini (Voghera).

Mister  Piccinini: Bruno Ferrari (Bastida, POR); 2° De Simone (Voghera,DIF); Barocelli (Casteggio, CEN); 4° Pellegrini (Voghera; ATT).

Mister  Domenichetti: Rebolini (Varzi, DIF); 2° Grossi (Zavattarello,ATT); 3 Corti (Zavattarello, CEN); 4° Decontardi (Retorbido, POR).

Mister  Ricci: 1° Bruno Ferrari (Bastida, POR); 2° Pellegrini (Voghera,ATT); 3° Guidi (Casteggio, DIF); 4° Panucci (Bressana, CEN).

Mister  Baiardi: 1° Scarzanella (Varzi, POR), 2° Lozio (Varzi, DIF), 3° Farina (Varzi, ATT), 4° Dragoni (Varzi, CEN)

Mister Balestra: 1° Castagna (Rivanazzano, ATT); 2° Barbieri (Montebello, CEN); 3° Giuliano (Lungavilla, POR); 4° Guidi (Casteggio, DIF).

Mister Abeli 1° Castagna (Rivanazzanese, ATT); 2° Zuccotti (Nizza, CEN); 3° Nobili (Zavattarello, CEN); 4° Martignoni (Nizza, DIF).

Mister Medicina: Verzanini (Voghera, POR), 2° Bracco (Nizza, DIF), 3° Pagani Pratis (retorbido, CEN), 4° Manzini (Zavattarello, ATT).

Mister Tondo: 1° Tacconi (Bressana DIF); 2° Gandini (Lungavilla, CEN); 3° Picolla (Retorbido ATT); 4° Ferrari (Bastida, POR).

Mister Luciano Rebolini: 1° Rebolini (Varzi, DIF); 2° Averaimo (Voghera,ATT), 3° Bruno Ferrari (Bastida, POR); 4° Casagrande (Voghera, CEN).

Mister Marrazzo:Verzanini (Voghera, POR), 2° Casiroli (Lungavilla; DIF); 3° Montagna (APOS Stradella, CEN); 4° Scano (APOS Stradella, ATT).

Mister Rangon: 1° Pellegrini (Voghera, ATT); 2° Bruno Ferrari (Bastida, POR); 3° Raineri  (Lungavilla, CEN); 4° Barbieri (Montebello, CEN).

Mister Cremonesi: 1° Bruno Ferrari (Bastida, POR); 2° Rainone (Rivanazzanese, CEN), 3° Farina (Varzi, ATT; 4° Casagrande (Voghera, CEN).

Mister Dianin: 1° Mezzio (H.Torrazza; POR); 2° Milani (Broni,DIF); 3° Bernini (APOS,CEN); 4° Cobianchi (Portalbera, ATT).

 Mister Garberi: 1° Zolo (Zavattarello, CEN); 2° Giaconia (Zavattarello, DIF); 3° Binaschi (Casteggio, POR), 4° Pellegrini (Voghera,ATT).

CLASSIFICA GENERALE APRILE PALLONE BLU

GIOCATORI MARZO PRESTAZIONI NOMINATION FACEBOOK TOTALE
Pellegrini   (  Voghera, ATT) 1600 280 130 5 2015
Bruno Ferrari   (  Bastida, POR) 1661 60 240 3 1964
Gandini   (  Lungavilla ,CEN) 1659 160 70 8 1897
Bruscaglia   (  Bastida, CEN) 1556 180 40 6 1782
Marioli   (  Lungavilla,DIF) 1354 220 0 3 1577
Barbieri   (  Montebello, CEN) 1189 70 80 3 1342
Verzanini   (  Voghera, POR) 1079 150 100 2 1331
Scarzanella   (  Varzi,POR) 1102 110 60 5 1277
Tacconi   (  Bressana DIF) 1054 100 100 3 1257
Binaschi   (  Casteggio, POR) 1038 190 20 6 1254
E.Volpini   (  Nizza, CEN) 1141 70 0 8 1219
Castagna   (  Rivanazzanese, ATT)  1008 90 80 3 1181
Falvella   (  Bastida, CEN) 927 120 20 2 1069
Re   (  Voghera,DIF) 820 130 60 4 1014
Giuliano   (  Lungavilla, POR) 795 200 10 4 1009
Soldini   (  Broni,POR) 870 90 0 5 965
Casagrande   (  Voghera, CEN) 814 100 30 12 956
Finizio   (  Casteggio, CEN) 815 90 20 4 929
Farina   (  Varzi, ATT) 823 60 40 2 925
Amaro   (  Voghera, ATT) 773 130 0 4 907
Manini   (  Portalberese, DIF) 791 100 0 6 897
Guidi   (  Casteggio, DIF) 729 90 70 4 893
Fiocca   (  Broni, CEN) 792 90 0 2 884
Arrigoni   (  Rivanazzanese, DIF) 683 180 0 7 870
Bariani   (  Nizza,ATT) 763 70 0 17 850
Marcolin   (  APOS Stradella, POR) 788 40 0 3 831
Andanese   (  Rivanazzanese, POR) 736 60 0 6 802
Rebolini   (  Varzi, DIF) 638 60 80 16 794
Sozzi   (  APOS Stradella, ATT) 685 70 0 5 760
Livelli   (  APOS Stradella, DIF) 648 40 0 3 691
Brandolini   (  Lungavilla, ATT) 580 100 0 5 685
Massarotti   (  Lungavilla, ATT) 564 100 0 3 667
Bensi   (  Casei, DIF) 615 50 0 2 667
Averaimo   (  Voghera, ATT) 540 70 50 4 664
Dallagiovanna   (  Casteggio, ATT) 559 90 0 3 652
Balduzzi   (  Lungavilla,CEN) 546 100 0 3 649
Cigagna   (  Bastida, DIF) 439 170 30 2 641
Albanini   (  Nizza, DIF) 540 70 0 14 624
Casiroli   (  Lungavilla, DIF) 490 100 30 3 623
Montagna   (  APOS Stradella, CEN) 555 40 20 4 619
Picolla   (  Retorbido ATT) 506 80 20 3 609
Lozio   (  Varzi , DIF) 500 60 30 6 596
Scano   (  APOS Stradella, ATT) 531 40 10 3 584
Cobianchi  (  Portalberese, ATT)   459 70 10 32 571
Zuccotti   (  Nizza, CEN) 518 10 30 10 568
Montini   (  Bastida, CEN) 505 60 0 2 567
Duilio   (  Zavattarello, CEN) 521 40 0 3 564
Zolo   (  Zavattarello, CEN) 457 40 40 8 545
Brondoni   (  Rivanazzanese, CEN) 454 60 0 7 521
Nobili   (  Zavattarello,CEN) 390 100 20 8 518
Canzano   (  Bastida, DIF) 455 60 0 2 517
Crivelli   (  Casteggio, CEN) 416 90 0 3 509
Grossi   (  Zavattarello; ATT) 399 70 30 8 507
Papa   (  Bressana, CEN) 398 100 0 3 501
Baldaro   (  Svincolato, POR) 498 0 0 2 500
Predko   (  Varzi,ATT) 425 60 0 2 487
Gaudio   (  Voghera, DIF) 380 100 0 5 485
Dragoni   (  Varzi, CEN) 348 120 10 5 483
Catenacci   (  Nizza, CEN) 464 10 0 9 483
Termine   (  Bressana,DIF) 378 100 0 4 482
Corti    (  Zavattarello,CEN) 404 40 20 4 468
De Simone   (  Voghera, DIF) 330 100 30 4 464
Pazzi   (  Casteggio, CEN) 349 90 0 4 443
Lugano   (  Salice Valle Staffora, DIF) 388 50 0 2 440
Truffi   (  Castelletto, POR) 366 70 0 1 437
Decontardi   (  Retorbido, POR) 389 20 10 4 423
Galu   (  Bressana, DIF) 317 100 0 2 419
Rainone   (  Rivanazzanese, DIF) 290 90 30 5 415
Gabba   (  Bastida, CEN) 353 60 0 2 415
Raineri   (  Montebello, DIF) 375 10 20 4 409
Merli   (  Hellas Torrazza, DIF) 234 160 0 4 398
Bagnaschi   (  Real Casei, POR) 395 0 0 3 398
Giaconia   (  Zavattarello, DIF) 311 40 30 17 398
Fellegara   (  Retorbido, CEN) 375 20 0   395
Borioli   (  Rivanazzanese, DIF) 330 60 0 2 392
Magrassi   (  Montebello, CEN) 371 10 0 5 386
Monteverde   (  Voghera , CEN) 219 160 0 4 383
Montagna   (  Voghera, POR) 272 100 0 4 376
Truddaiu   (  Broni,DIF) 277 90 0 1 368
A.Ferrari   (  Zavattarello; DIF) 321 40 0 5 366
Fall  (  Lungavilla, ATT) 250 100 0 4 354
Marioli   (  Montebello,DIF) 336 10 0 3 349
Buzzi   (  APOS Stradella, CEN) 297 40 0 5 342
Albertotti   (  Nizza, CEN) 306 10 0 21 337
La Valle   (  Broni, CEN) 237 90 0 3 330
Fina   (  Zavattarello, ATT) 248 70 0 4 322
Bernini   (  APOS Stradella, CEN) 259 40 20 2 321
Tommasi   (  APOS Stradella,DIF) 270 40 0 1 311
Milani  (  Broni, CEN) 174 90 30 2 296
Giorgi  (  Bressana, DIF) 180 100 0 3 283
Scuro  (  Voghera, CEN) 171 100 0 7 278
Villa  (  Bressana, ATT) 120 150 0 2 272
Rossi   (  Castelletto, DIF) 206 50 0 4 260
Mannozzi  (  Voghera,ATT) 90 160 0 3 253
Tiso  (  Broni,DIF) 152 90 0 4 246
Belmonte   (  APOS Stradella,CEN) 177 40 0 2 219
Iacchini  (  Bressana, POR) 60 150 0 3 213
Pallavezzati  (  Nizza, DIF) 190 10 0 9 209
Dilernia  (  Montebello, POR) 120 60 10 2 192
Panucci  ( Bressana, CEN) 0 160 10 0 170
F.Zani  ( Casteggio, ATT) 0 150 20 0 170
Mori  (  Nizza, DIF) 120 10 0 9 139
Frattini  (  Nizza, DIF) 100 10 0 27 137
Baroncelli  ( Casteggio, CEN) 0 90 40 0 130
Autolitano  (  Castelletto, DIF) 62 50 0 6 118
Ganimede  (  Retorbido, DIF) 93 20 0 3 116
Manzini  ( Zavattarello, ATT) 0 90 10 0 100
Tagliani  (  Varzi, CEN) 30 60 0 3 93
Mezzio  ( H.Torrazza; POR) 0 40 40 0 80
Pagani Pratis  ( Retorbido, CEN) 0 20 20 0 40
Bracco  ( Nizza, DIF) 0 10 30 0 40
Martignoni  ( Nizza, DIF) 0 10 10 0 20

 CLASSIFICA PORTIERI APRILE PALLONE BLU 

GIOCATORI MARZO PRESTAZIONI NOMINATION FACEBOOK TOTALE
Bruno Ferrari   (  Bastida, POR) 1661 60 240 3 1964
Verzanini   (  Voghera, POR) 1079 150 100 2 1331
Scarzanella   (  Varzi,POR) 1102 110 60 5 1277
Binaschi   (  Casteggio, POR) 1038 190 20 6 1254
Giuliano   (  Lungavilla, POR) 795 200 10 4 1009
Soldini   (  Broni,POR) 870 90 0 5 965
Marcolin   (  APOS Stradella, POR) 788 40 0 3 831
Andanese   (  Rivanazzanese, POR) 736 60 0 6 802
Baldaro   (  Svincolato, POR) 498 0 0 2 500
Truffi   (  Castelletto, POR) 366 70 0 1 437
Decontardi   (  Retorbido, POR) 389 20 10 4 423
Bagnaschi   (  Real Casei, POR) 395 0 0 3 398
Montagna   (  Voghera, POR) 272 100 0 4 376
Iacchini  (  Bressana, POR) 60 150 0 3 213
Dilernia  (  Montebello, POR) 120 60 10 2 192
Mezzio  ( H.Torrazza; POR) 0 40 40 0 80

 

CLASSIFICA DIFENSORI APRILE PALLONE BLU

GIOCATORI MARZO PRESTAZIONI NOMINATION FACEBOOK TOTALE
Marioli   (  Lungavilla,DIF) 1354 220 0 3 1577
Tacconi   (  Bressana DIF) 1054 100 100 3 1257
Re   (  Voghera,DIF) 820 130 60 4 1014
Manini   (  Portalberese, DIF) 791 100 0 6 897
Guidi   (  Casteggio, DIF) 729 90 70 4 893
Arrigoni   (  Rivanazzanese, DIF) 683 180 0 7 870
Rebolini   (  Varzi, DIF) 638 60 80 16 794
Livelli   (  APOS Stradella, DIF) 648 40 0 3 691
Bensi   (  Casei, DIF) 615 50 0 2 667
Cigagna   (  Bastida, DIF) 439 170 30 2 641
Albanini   (  Nizza, DIF) 540 70 0 14 624
Casiroli   (  Lungavilla, DIF) 490 100 30 3 623
Lozio   (  Varzi , DIF) 500 60 30 6 596
Canzano   (  Bastida, DIF) 455 60 0 2 517
Gaudio   (  Voghera, DIF) 380 100 0 5 485
Termine   (  Bressana,DIF) 378 100 0 4 482
De Simone   (  Voghera, DIF) 330 100 30 4 464
Lugano   (  Salice Valle Staffora, DIF) 388 50 0 2 440
Galu   (  Bressana, DIF) 317 100 0 2 419
Rainone   (  Rivanazzanese, DIF) 290 90 30 5 415
Raineri   (  Montebello, DIF) 375 10 20 4 409
Merli   (  Hellas Torrazza, DIF) 234 160 0 4 398
Giaconia   (  Zavattarello, DIF) 311 40 30 17 398
Borioli   (  Rivanazzanese, DIF) 330 60 0 2 392
Truddaiu   (  Broni,DIF) 277 90 0 1 368
A.Ferrari   (  Zavattarello; DIF) 321 40 0 5 366
Marioli   (  Montebello,DIF) 336 10 0 3 349
Tommasi   (  APOS Stradella,DIF) 270 40 0 1 311
Giorgi  (  Bressana, DIF) 180 100 0 3 283
Rossi   (  Castelletto, DIF) 206 50 0 4 260
Tiso  (  Broni,DIF) 152 90 0 4 246
Pallavezzati  (  Nizza, DIF) 190 10 0 9 209
Mori  (  Nizza, DIF) 120 10 0 9 139
Frattini  (  Nizza, DIF) 100 10 0 27 137
Autolitano  (  Castelletto, DIF) 62 50 0 6 118
Ganimede  (  Retorbido, DIF) 93 20 0 3 116
Bracco  ( Nizza, DIF) 0 10 30 0 40
Martignoni  ( Nizza, DIF) 0 10 10 0 20
         

CLASSIFICA CENTROCAMPISTI APRILE PALLONE BLU

 

GIOCATORI Gennaio PRESTAZIONI NOMINATION FACEBOOK TOTALE
Gandini   (  Lungavilla ,CEN) 1659 160 70 8 1897
Bruscaglia   (  Bastida, CEN) 1556 180 40 6 1782
Barbieri   (  Montebello, CEN) 1189 70 80 3 1342
E.Volpini   (  Nizza, CEN) 1141 70 0 8 1219
Falvella   (  Bastida, CEN) 927 120 20 2 1069
Casagrande   (  Voghera, CEN) 814 100 30 12 956
Finizio   (  Casteggio, CEN) 815 90 20 4 929
Fiocca   (  Broni, CEN) 792 90 0 2 884
Balduzzi   (  Lungavilla,CEN) 546 100 0 3 649
Montagna   (  APOS Stradella, CEN) 555 40 20 4 619
Zuccotti   (  Nizza, CEN) 518 10 30 10 568
Montini   (  Bastida, CEN) 505 60 0 2 567
Duilio   (  Zavattarello, CEN) 521 40 0 3 564
Zolo   (  Zavattarello, CEN) 457 40 40 8 545
Brondoni   (  Rivanazzanese, CEN) 454 60 0 7 521
Nobili   (  Zavattarello,CEN) 390 100 20 8 518
Crivelli   (  Casteggio, CEN) 416 90 0 3 509
Papa   (  Bressana, CEN) 398 100 0 3 501
Dragoni   (  Varzi, CEN) 348 120 10 5 483
Catenacci   (  Nizza, CEN) 464 10 0 9 483
Corti    (  Zavattarello,CEN) 404 40 20 4 468
Pazzi   (  Casteggio, CEN) 349 90 0 4 443
Gabba   (  Bastida, CEN) 353 60 0 2 415
Fellegara   (  Retorbido, CEN) 375 20 0   395
Magrassi   (  Montebello, CEN) 371 10 0 5 386
Monteverde   (  Voghera , CEN) 219 160 0 4 383
Buzzi   (  APOS Stradella, CEN) 297 40 0 5 342
Albertotti   (  Nizza, CEN) 306 10 0 21 337
La Valle   (  Broni, CEN) 237 90 0 3 330
Bernini   (  APOS Stradella, CEN) 259 40 20 2 321
Milani  (  Broni, CEN) 174 90 30 2 296
Scuro  (  Voghera, CEN) 171 100 0 7 278
Belmonte   (  APOS Stradella,CEN) 177 40 0 2 219
Panucci  ( Bressana, CEN) 0 160 10 0 170
Baroncelli  ( Casteggio, CEN) 0 90 40 0 130
Tagliani  (  Varzi, CEN) 30 60 0 3 93
Pagani Pratis  ( Retorbido, CEN) 0 20 20 0 40
Gambone   (Real Casei, CEN) 243 0 0 3 246

CLASSIFICA ATTACCANTI APRILE PALLONE BLU

GIOCATORI MARZO PRESTAZIONI NOMINATION FACEBOOK TOTALE
Pellegrini   (  Voghera, ATT) 1600 280 130 5 2015
Castagna   (  Rivanazzanese, ATT)  1008 90 80 3 1181
Farina   (  Varzi, ATT) 823 60 40 2 925
Amaro   (  Voghera, ATT) 773 130 0 4 907
Bariani   (  Nizza,ATT) 763 70 0 17 850
Sozzi   (  APOS Stradella, ATT) 685 70 0 5 760
Brandolini   (  Lungavilla, ATT) 580 100 0 5 685
Massarotti   (  Lungavilla, ATT) 564 100 0 3 667
Averaimo   (  Voghera, ATT) 540 70 50 4 664
Dallagiovanna   (  Casteggio, ATT) 559 90 0 3 652
Picolla   (  Retorbido ATT) 506 80 20 3 609
Scano   (  APOS Stradella, ATT) 531 40 10 3 584
Cobianchi  (  Portalberese, ATT)   459 70 10 32 571
Duilio   (  Zavattarello, CEN) 521 40 0 3 564
Grossi   (  Zavattarello; ATT) 399 70 30 8 507
Predko   (  Varzi,ATT) 425 60 0 2 487
Fall  (  Lungavilla, ATT) 250 100 0 4 354
Fina   (  Zavattarello, ATT) 248 70 0 4 322
Villa  (  Bressana, ATT) 120 150 0 2 272
Mannozzi  (  Voghera,ATT) 90 160 0 3 253
F.Zani  ( Casteggio, ATT) 0 150 20 0 170
Manzini  ( Zavattarello, ATT) 0 90 10 0 100

 

REGOLAMENTO : http://ilperiodiconews.it/menu-sport/item/9974-regolamento-il-periodico-pallone-e-panchina-blu-2017.html

In Italia le coppie si separano sempre di più. Aumentano i divorzi. È quanto emerge dai dati dell’Istat presenti nel rapporto ‘Noi Italia’. In particolare nel 2015 l’incidenza dei divorzi sarebbe aumentata in maniera sensibile (con 13,6 casi ogni 10mila abitanti, in netta crescita rispetto agli 8,6 casi registrati un anno prima).

Secondo il rapporto ‘Noi Italia’ a concorrere al fenomeno dei divorzi avrebbe contribuito anche la legge sul cosiddetto divorzio breve. È emersa una preponderanza di casi nel Centro-Nord rispetto al Sud (15,7 contro 9,5 ogni 10mila abitanti). Per quanto riguarda invece le separazioni stando ai dati Istat sarebbe in corso negli ultimi 10 anni una fase di convergenza tra le varie aree del Paese (15,4 ogni 10mila abitanti al Centro-Nord e 14,5 nel Mezzogiorno).

I dati non sono lievi anche relativamente ai matrimoni: con 3,2 ogni mille abitanti l’Italia è uno dei Paesi in Europa in cui si si sposa meno (fa meglio solo di Portogallo e Lussemburgo). A livello regionale, infine, è il Mezzogiorno il territorio con un tasso di matrimoni più alto, diversamente dal Nord-Ovest, fanalino di coda.

 

In Italia ogni anno più di 230mila persone muoiono a causa di ictus, infarto e malattie cardiovascolari da trombosi. E negli ultimi 25 anni il numero di nuovi casi è in aumento: più di 85 milioni di persone in Europa è affetta da una malattia cardiovascolare, con una ricaduta drammatica sull’aumento dei costi per l’assistenza e i ricoveri e la riabilitazione. Si stima che l’Europa spenda ogni anno per queste malattie 210 miliardi di euro, cifra che corrisponde al 33% del budget dell’Ue per il 2017.

Malattie cardiovascolari da trombosi

È quanto afferma l’Associazione per la lotta alla trombosi e alle malattie cardiovascolari (Alt), in occasione della VI Giornata nazionale per la lotta alla trombosi. Si tratta di malattie che in un caso su tre possono essere evitate, osserva l’Associazione, che ricorda come «in Europa troppe persone ancora muoiono per colpa di infarto del miocardio, ictus cerebrale e scompenso cardiaco. Malattie che colpiscono in maniera disomogenea le regioni europee». Sono malattie molto gravi, spesso mortali e fortemente invalidanti, strettamente correlate a stili di vita inadeguati e pericolosi e a patologie come ipertensione, diabete, alti livelli di colesterolo, sovrappeso, inattività fisica. I fattori di rischio presentano picchi di incidenza e prevalenza nei Paesi dell’est e centro Europa mentre sembrano meno presenti nei Paesi del nord-ovest-sud Europa.

I dati sull’obesità

Per l’Associazione «allarmanti sono anche i dati sull’obesità e sull’aumento significativo (fino anche al 50%) del diabete negli ultimi dieci anni, particolarmente accentuato in alcune in alcuni dei Paesi europei». In questo contesto «l’Italia si colloca in una posizione intermedia quanto al numero di persone che perdono la vita per colpa di una malattia cardiovascolare e questo vale per le donne e per gli uomini: sono cifre peggiori rispetto a quelle della Gran Bretagna e della Francia, e leggermente migliori dei Paesi dell’Europa dell’Est. La brutta notizia – commenta Lidia Rota Vender, presidente di Alt – è che le donne, che ci siamo abituati a ritenere protette dall’infarto e dall’ictus cerebrale, sono invece colpite più frequentemente rispetto al passato e più frequentemente perdono la vita».

 

Presentata la lista di Pavia e Provincia a sostegno di Andrea Orlando come segretario nazionale del PD per le primarie del prossimo 30 aprile. Capolista è la deputata Chiara Scuvera, seguono il giovane segretario cittadino di Vigevano Alessio Bertucci e la giá responsabile dei diritti del PD Lombardia Silvia Grossi, Giovanni Torlaschi, Erika Paparella, Fausto Minonne, Maria Iacono, Francesco Di Giacomo ed Enrica Caimi. La lista mette insieme giovani, territori e sensibilitá per un PD casa comune

"Signor Direttore, sono un ciclista da passeggio. La mia velocità di crociera è direttamente proporzionale all'età ed allo scricchiolìo delle ginocchia. Riesco comunque ancora a superare agevolmente... i pedoni!

 Scelgo itinerari piacevole e poco impegnativi, che mi permettono di immergermi nella natura. Alcuni giorni orsono, nel tratto fra Casteggio e Verretto, la strada provinciale 65, qualche centinaio di metri dopo il passaggio a livello, quello vicino all'ex Sernagiotto, vedo un altro ciclista precedermi, con l'identico mio passo, che porta un sacchetto rigonfio al manubrio. Improvvisamente lo prende e lo fa volare oltre il fossato.

 Allora pigio sui pedali e lo raggiungo. "Che ha fatto? Ci sono i cassonetti". Lui mi risponde che odia i cassonetti. "Ma così qualcun altro dovrà raccogliere i suoi rifiuti!". "Vada a fan...!" la sua ultima gentile risposta.

 Un'altra mattina, per curiosità, sulla medesima strada, ho voluto contare, a volo d’uccello, gli involucri vuoti buttati sul ciglio o nel fossato.

 Giunto a centosessanta ho smesso. Bisogna pure farsene una ragione, ormai non siamo più un "popolo di navigatori, di santi, di eroi", siamo semplicemente "una massa" di persone consumatrici di cose e bevande. Uno si scola una birra e butta la lattina dal finestrino. I ciclisti insegnano. Possediamo forse il record mondiale di lanciatori di rifiuti nel terreno altrui. Che dire? Come far fronte alla maleducazione di alcuni?  Da parte mia devo dire che non posso dimenticare quel volo del sacchetto di rifiuti nel campo.

 Quel terreno, coltivato a grano, di una bellezza vertiginosa.

 La natura, allo stato puro e vergine, mostra nel frumento in erba, la sua ineguagliabile ricchezza. Si tratta del nostro futuro pane quotidiano. Proprio in quella natura è stato scagliato, come una bomba, un sacchetto di plastica, rigonfio di rifiuti. Ora giace là nel grano, accolto nel grembo innocente dell’amore naturale, come uno stupro volgare e violento. " 

Mauro Belcredi - Casteggio

 

 

 

C'era una volta Oltrevini, la kermesse numero uno dedicata al vino del territorio. C'era una volta, perché l'anno scorso non si era svolta e anche per quest'anno il suo destino pare segnato. Eppure quando nel 2015 si parlò di spostare la manifestazione in periodo primaverile rivedendo la formula tutte le parti in causa si erano dette favorevoli. Qualcosa però è andato storto. Che cosa lo abbiamo chiesto al vicesindaco e assessore al commercio del comune di Casteggio, storica patria della kermesse, Lorenzo Vigo.

"Purtroppo i tempi sono cambiati molto – spiega - sia economicamente che per quello che riguarda il mondo del vino. Una manifestazione di una certa portata prevede dei costi elevati e le risorse sia del Comune che del territorio sono limitate. Se ogni anno una manifestazione del genere diventa una sfida alla sopravvivenza difficilmente si potrà avere una manifestazione che cresce e che si afferma. Con il Sindaco e gli attori del territorio abbiamo sempre portato avanti una teoria: si fa a certe condizioni, non si fa perché va fatta con il rischio di buttare dei soldi". 

Immagino che abbiate stretti contatti con produttori, Consorzio e Distretto del Vino. Come la stanno prendendo? Che tipo di richieste vi hanno fatto?

"Sono solidali con la situazione, anzi, sono i primi che hanno sollevato, e non solo oggi, la necessità di creare un evento diverso da quello fatto in passato, che di fatto non ha più nessun impatto sul marketing delle loro aziende e sulle loro vendite. Ragioniamo insieme su cosa fare ma per loro vale quello che vale per noi: non la faremo a qualsiasi costo, la faremo se potrà diventare una manifestazione importante. Oggi le cantine chiedono la capacità di avere una visibilità diversa come territorio, compito estremamente complicato che richiede sforzi e nuove idee".

Nelle ultime edizioni si era notata una generale disaffezione nei confronti della manifestazione, non solo da parte del pubblico ma anche di alcuni produttori. Si parlava di formula obsoleta, da rivedere. Cosa non andava?

"Non andava il fatto che si immagina ancora oggi una manifestazione sul vino come era concepita negli anni '80. Siamo tutti affezionati alle folle di pubblico della rassegna di una volta, e da allora abbiamo perseguito in quella direzione sperando che potesse andare sempre bene, parlando di 'riportare la rassegna ai fasti di una volta', mentre il mondo del vino, delle manifestazioni e del turismo attorno a noi cambiava e chiedeva altro. Fermarsi oggi è stato saggio, e ora sarà importante fare i passi giusti".

Quale dovrebbe essere la formula per una manifestazione vincente in Oltrepo?

"Bisogna dimenticare l'approccio: parlare di vino per portare persone. Oggi le manifestazioni che funzionano partono dal territorio, il vino è solo un elemento, importante ma solo un elemento. Nel 2017, con la vendita online, gli agenti in tutta italia, i grandi eventi internazionali, non si può immaginare che serva la rassegna dei vini per promuovere i nostri vini. Serve qualcosa per promuovere l'Oltrepo, così che il vino possa godere di un generale aumento di valore del territorio. Oltrevini oggi dovrebbe puntare a eventi come Il festival di Franciacorta, Collisioni di Barolo o Golosaria in Monferrato, eventi che parlano prima del territorio e poi del vino e dei prodotti agroalimentari. Altrimenti continueremo a organizzare degustazioni che faticheranno a pareggiare i bilanci senza dare nulla all'indotto generale".

L'ultimo anno la gestione del padiglione fiere era stata affidata alla Lia srl, società di Bergamo conosciuta perché gestisce in Oltrepò diversi centri di accoglienza per profughi. Com'è andata a finire con quella società?

"Il contratto è andato a naturale scadenza come previsto. Certo non possiamo dire di aver visto grandi risultati da questa gestione, né in termini di eventi né in termini di affluenza di pubblico. Forse la vocazione di questa azienda non era quella di organizzare eventi. Anche per questo motivo abbiamo deciso al momento di tenere la struttura a disposizione del comune e non partire con un nuovo affidamento, poiché se vogliamo davvero avere importanti riscontri dall'impianto fieristico non possiamo immaginare di improvvisare. L'organizzazione di eventi fieristici è una impresa vera e propria, che muove capitali e che presuppone forti responsabilità. A questo punto dobbiamo decidere: o giochiamo a fare le fiere o proviamo a farle seriamente. Per questo la decisione di non pubblicare un bando ma di prendere tempo per immaginare quale possa essere il futuro migliore per la struttura e il territorio".

Cosa ne pensa della proposta di Pier Ezio Ghezzi di fare una sorta di "piccola Oltrevini" contenuta all'interno della Fiera dell'Ascensione di Voghera? Il sindaco Barbieri l'ha bocciata subito, ma non poteva essere (forse l'unica) possibilità per salvare capra e cavoli almeno per quest'anno?

"Beh... è come se Casteggio facesse una piccola Ascensione, sembra idea di poco senso. Detto questo se nella Fiera dell’Ascensione c'è spazio per i vini dell'Oltrepo penso sia una opportunità, ma Ghezzi di fatto riesuma vecchie storie. Già nei primi anni del nostro mandato l'organizzazione di Oltrevini faceva a Voghera, in pieno accordo tra le amministrazioni, banchi di assaggio durante l'ascensione, con presentazioni di vino e cantine. Non mi sembra che l'idea sia decollata o che abbia dato qualche svolta al destino di Oltrevini o della Ascensione. Questo territorio ha salvato troppe volte capra e cavoli, a noi non servono scappatoie ma grandi progetti. Che si faccia o non si faccia una qualsiasi minima manifestazione sul vino non cambierà i destini del territorio".

 

Alla fine, solo 9 decimi hanno diviso sotto la bandiera a scacchi del 5° Rally Colli del Grignolino Monferrato i vincitori Minchella-Moro a bordo della Mitsubishi Evo IX, dai secondi classificati Giordano-Santi sulla Renault Clio R3c. Completano il podio, Vallino-Vitali anch’essi su Renault Clio R3c a 31”5.

Gara maiuscola ma sfortunata per gli oltrepadani Davide Nicelli e Davide Pisati con la Clio R3t. Dopo una cattiva partenza, in cui si è spenta la "francesina", un inconveniente che ha fatto precipitare i portacolori del Road Runner Team al 39° posto assoluto, i due si sono lanciati in una entusiasmante rimonta risalendo all’11° posto dopo la PS2, all’8° posto dopo la PS3, al 6° al termine della PS4 e al 5° alla fine della PS5.

La possibilità di uno splendido piazzamento all’interno della top five assoluta e la vittoria di classe al debutto in un rally vero e proprio è ormai palpabile per Nicelli.

Ma come tutti sappiamo, le corse terminano sotto la bandiera a scacchi e proprio sull’ultimo impegno cronometrato, ecco un malaugurato errore che porta la Clio del pilota stradellino a sbattere, decretando così la fine anticipata della bella avventura.

Sorridono invece in casa Efferre Motorsport. La scuderia di Romagnese ha infatti piazzato il proprio equipaggio di punta formato da Marco Stefanone e Riccardo Filippini al 3° posto in N4. Autori di una prima metà gara spesa a prendere confidenza con la Mitsubishi Evo, vettura non facile da portare, nella seconda parte sono riusciti a migliorarsi risalendo dal 5° al 3° posto di classe finale.

Discorso inverso invece per Caushi-Maggi, che da metà dell’affollatissima classe A0 (16 macchine in gara), hanno poi chiuso al 10° posto di categoria. Soli al via e soli al traguardo in classe RS1.6, Fabio Azzaretti e Claudia Spagnolo con la Citroen Saxo by Media Rally e Promotion, portata al 49° posto assoluto.

 

 Bulli senza pietà. È stata la denuncia dei genitori della vittima a far scattare le indagini della polizia. Gli investigatori hanno identificato e denunciato i componenti del branco che aveva preso di mira una ragazzina, diventata il bersaglio di un gruppetto di coetanei con angherie, insulti e aggressioni.

Ogni giorno vittima delle angherie dei bulli

La vittima veniva schernita e denigrata tutti i giorni, subendo comportamenti oppressivi e vessatori con violenze fisiche e psicologiche, ogni qualvolta incontrava i bulli, i quali, tra l’altro, utilizzavano anche i social per inviarle messaggi contenenti insulti. La ragazzina, per sfuggire ai suoi aguzzini, era stata anche costretta a cambiare scuola.

La spedizione punitiva

Ma le angherie erano continuate, la gang aveva organizzato una spedizione punitiva, fallita per l’intervento del padre della vittima. Per niente scoraggiato, il gruppetto ha continuato a tempestare di messaggi minatori la ragazza, che in preda ad un forte stress e, a causa del timore di essere aggredita ancora, ha smesso di uscire di casa e di frequentare la scuola. Successivamente il branco, ha teso una sorta di «agguato» alla minorenne, durante il quale la vittima ha riportato anche delle lesioni, interrotto dall’intervento di alcuni passanti. Le indagini eseguite dalla squadra investigativa del commissariato di Tivoli e Guidonia, hanno permesso di ricostruire i fatti e identificare i componenti del branco, che sono stati denunciati.

 

La povertà assoluta in Italia nel 2015 coinvolgeva il 6,1% delle famiglie residenti (pari a 4 milioni 598 mila individui). E' quanto risulta dal rapporto 'Noi Italia' dell'Istat. I valori sono stabili sul 2014 sia per l'incidenza di povertà assoluta sia per quella relativa. Rispetto al 2014 peggiorano soprattutto le condizioni delle famiglie con 4 componenti (dal 6,7% al 9,5%). Il 10,4% delle famiglie è relativamente povero (2 milioni 678 mila); le persone in povertà relativa sono 8 milioni 307 mila (13,7% della popolazione).

In Italia sono occupate poco più di 6 persone su 10 tra i 20 e i 64 anni, il dato peggiore nell'Unione europea ad eccezione della Grecia. Lo si legge nel Rapporto Istat Noi Italia. Tra i 20 e i 64 anni nel 2016 era occupato il 61,6% della popolazione con un forte squilibrio di genere (71,7% gli uomini occupati, 51,6% le donne). Grande anche il divario territoriale tra Centro-Nord e Mezzogiorno (69,4% contro il 47%). Nella graduatoria Ue sul 2015 solo la Grecia ha un tasso di occupazione inferiore, mentre la Svezia registra il valore più elevato (80,5%).

Il Pil pro capite dell'Italia, misurato in standard di potere d'acquisto (per un confronto depurato dai differenti livelli dei prezzi nei vari paesi), risulta inferiore del 4,5% rispetto a quello medio dell'Ue, più basso di quello di Germania e Francia (rispettivamente del 23,6 e 9,2%). L'Istat sottolinea che il valore italiano è però superiore del 5% al prodotto interno lordo spagnolo pro capite.

Nel 2016 5 mln i cittadini stranieri in Italia (+0,2)  - A inizio 2016 ammontavano a poco più di 5 milioni il numero di cittadini stranieri residenti in Italia, vale a dire lo 0,2% in più rispetto al 2015: lo si legge nel rapporto 'Noi Italia' dell'Istat secondo il quale nel confronto con l'Ue il nostro Paese presenta un'incidenza più alta della media, andando a occupare l'11/mo posto, subito dopo Regno Unito (8,4%) e Germania (9,3%) e prima della Francia (6,6%). Da rilevare comunque che nello stesso periodo erano presenti sul territorio italiano quasi 4 milioni di cittadini non comunitari (cioè stranieri non comunitari in possesso di un documento valido di soggiorno e gli iscritti sul permesso di un familiare). Altro dato di rilievo segnalato dall'Istat riguarda il flusso di ingresso di cittadini comunitari, che dal 2011 starebbe facendo segnare una flessione, soprattutto nelle regioni del Centro e del Sud. Non a caso, viene sottolineato, nel 2015 i nuovi permessi rilasciati sono stati il 3,8% in meno rispetto all'anno precedente. Nel mercato del lavoro si assottiglia il divario tra italiani e stranieri: nel 2015 il tasso di occupazione (20-64 anni) si è attestato al 62,4% contro il 60.3 degli italiani.

Peso fisco cala, ma peggio di Italia solo la Francia  - Nel 2016 la pressione fiscale in Italia è scesa al 42,9%, in riduzione di 0,7 punti percentuali dal massimo del biennio 2012-2013. Tuttavia, il nostro Paese rimane fra i paesi con i valori più elevati, superato, tra i maggiori partner europei, solo dalla Francia. E' quanto sottolinea l'Istat nel rapporto 'Noi Italia'. Per quanto riguarda la spesa pubblica, lo Stato ha speso nel 2015 circa 13,6 mila euro per abitante, un valore sostanzialmente in linea con quello medio dell'Ue. Tra le grandi economie dell'Unione, Germania, Regno Unito e Francia presentano però livelli più elevati, mentre la Spagna spende meno dell'Italia.

Ancora pochi laureati e troppi abbandoni  - Su numero di laureati e abbandoni degli studi l'Italia ha fatto passi in avanti ma resta lontana dalla media europea. E' quanto emerge dall'ultimo rapporto Istat "Noi Italia" che mostra pure come per spesa pubblica in istruzione il nostro Paese occupi il quartultimo posto: incide sul Pil per il 4,1%, valore più basso di quello medio europeo (4,9%). L'Italia risulta quartultima anche nella graduatoria delle persone di 25-64 anni con livello di istruzione non elevato, con una incidenza quasi doppia rispetto all'Ue28 (rispettivamente 40,1% e 23,5%). E anche se la percentuale - il 26,2% - dei 30-34enni che ha conseguito la laurea nel 2016 è in linea con quanto stabilito dall'Europa come obiettivo per l'Italia, resta lontana dal 40% fissato per la media europea: in Europa il nostro Paese continua a ricoprire l'ultima posizione, 25,3% contro il 38,7% della media Ue28. Miglioramenti si registrano sul fronte degli abbandoni scolastici: nel 2016 la quota di giovani che lasciano gli studi è scesa, infatti, al 13,8% superando l'obiettivo nazionale del 16% fissato dalla Strategia Europa 2020. Ciononostante l'Italia si piazza anche in questo caso al quartultimo posto (14,7% contro una media Ue28 dell'11%). Peggio di noi solo Romania, Malta e Spagna. Un primato però l'Italia lo detiene: per quota di Neet siamo al top in Europa con oltre 2,2 milioni i giovani di 15-29 anni che nel 2016 non studiano e neppure lavorano.

23,3% della spesa sanitaria totale a carico famiglie  - Nel 2014 la spesa sanitaria pubblica e' attestata attorno al 2.400 dollari procapite a fronte degli oltre 3.000 spesi in Francia e dei 4.000 in Germania. Lo riferisce il rapporto Istat. Le famiglie hanno contribuito alla spesa sanitaria complessiva per il 23,3% e la quota e' in leggero aumento. Il tasso di mortalita' infantile, importante indicatore del livello di sviluppo e benessere del paese, continua a diminuire in Italia, nel 2014 in Italia e' stato del 2,8 per mille nati vivi, tra i valori piu' bassi in Europa.

  1. Primo piano
  2. Popolari